Agriturismo e Dpcm del 24 ottobre, cosa cambia

Ricordiamo le principali disposizioni per le attività agrituristiche introdotte con il Dpcm del 24 ottobre scorso (scarica qui la versione completa: DPCM 24 ottobre 2020), che prevede nuove misure per il contenimento della diffusione del coronavirus valide fino al 24 novembre prossimo su tutto il territorio nazionale e fatta salva la possibilità per le Regioni di prevedere misure di contenimento del contagio maggiormente restrittive. Rispetto a quanto previsto nei precedenti Dpcm del 13 e del 18 ottobre scorsi, le cui disposizioni sono sostituite da quelle recate dal nuovo Decreto, tra le nuove misure che assumono specifico interesse per il settore agricolo  e agrituristico ricordiamo:

– obbligo di chiusura degli esercizi di attività di ristorazione alle ore 18:00 e di riapertura non prima delle ore 5:00, compresi i giorni festivi. Inoltre, il consumo ai tavoli è consentito ad un massimo di quattro persone a tavolo, salvo che gli avventori siano tutti conviventi. È fatta la salva l’attività di ristorazione mediante consegna a domicilio, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché, fino alle ore 24:00, la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze del luogo di acquisto. Tale misura è diretto interesse per le imprese agrituristiche esercenti attività di somministrazione di pasti e bevande;

– restano vietate le sagre e le fiere di qualsiasi genere e gli analoghi eventi;

– sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose. Anche tale misura è di diretto interesse per le imprese agrituristiche.

Nel sottolineare che anche nel nuovo DPCM è espressamente previsto che “resta garantito lo svolgimento delle attività agricole, zootecniche, di trasformazione agro-alimentare, comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi”, la presente comunicazione sarà integrata qualora la Presidenza del Consiglio dei Ministri renderà disponibili nuove FAQ concernenti le misure recate dal DPCM in oggetto.

Tra le attività agricole c’è anche la vendita diretta che non ha, attualmente, limiti di orario, ferme restando tutte le disposizioni previste (distanziamento, no assembramenti, utilizzo dei dispositivi di protezione, ecc.).

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us: