Caso Pamela, confermato ergastolo a Oseghale


La giovane romana fu uccisa e fatta a pezzi nel gennaio del 2018 in un appartamento di via Spalato a Macerata
Ancona, 16 ott.
di Silvia Mancinelli
Omicidio di Pamela Mastropietro, confermata ad Ancona la sentenza del 29 maggio 2019 della Corte d’Assise di Macerata. Ergastolo, quindi, per . La giovane romana fu uccisa e fatta a pezzi nel gennaio del 2018 in un appartamento di via Spalato a Macerata.
“Capite italiani? Non l’ho uccisa. Capite tutti italiani?”. Con queste parole, gridate tra la stretta degli agenti penitenziari che lo trattengono a fatica, Innocent Oseghale ha lasciato l’aula del Tribunale di Ancona. Condannato anche a risarcire le spese processuali e legali delle parti civili, il nigeriano torna dunque dietro le sbarre del carcere di Forlì, dove è stato trasferito da agosto dello scorso anno.
“Una sentenza che ci aspettavamo, si era già capito vista l’aria che tirava da stamattina” ha detto all’Adnkronos l’avvocato Umberto Gramenzi, difensore insieme a Simone Matraxia di Innocent Oseghale, commentando la conferma della condanna all’ergastolo per l’imputato. “Ricorreremo in Cassazione perché, a nostro avviso, si sono verificate violazioni di legge che la Corte dovrà accertare”.

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Caso Pamela, confermato ergastolo a Oseghale"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


due × 2 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.