Comunicato stampa: 39° Festival nazionale del Teatro per i ragazzi, si riparte dal 10 ottobre

Riparte, seppure in una versione leggermente ridotta per le misure anti Covid, il sempre atteso e mai scontato Festival nazionale del teatro per i ragazzi promosso da Teatro Ragazzi G. Calendoli Onlus, quest’anno alla sua 39ma edizione.
Il Festival nazionale del teatro per ragazzi, prima rassegna del settore ad essere organizzata in Italia, è un progetto realizzato con il contributo dell’Assessorato alla cultura e della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.
Tra i vari partner, si riconferma Despar con “Le buone abitudini”, il programma di educazione alimentare per la promozione di una cultura della salute e dell’importanza della prevenzione primaria, che offrirà ai piccoli spettatori graditissimi gadget e l’estrazione di biglietti per accedere gratuitamente a uno spettacolo del Festival.

Otto gli spettacoli in calendario per gli altrettanti otto weekend (da sabato 10 ottobre a domenica 29 novembre 2020) attentamente selezionati da Renata Rebeschini e Micaela Grasso secondo severi criteri di attenzionalità e nobili obiettivi: intrattenere e divertire un pubblico (non solo di giovanissimi) abituato a produzioni artistiche di qualità, ma anche lasciare qualcosa di prezioso da “portarsi a casa”, che sia un’immagine, un colore, un’emozione, una battuta sagace o magari una riflessione che si sedimenta.
La location scelta per questa edizione, alle soglie del quarto decennio, è il collaudato Piccolo Teatro Don Bosco di via Asolo, 2 a Padova (zona Paltana), ora accessibile con posti dimezzati in modo da assicurare un adeguato distanziamento.
Per facilitare le operazioni di entrata si richiede la prenotazione al sito www.evenbrite.it e verrà data inoltre la possibilità di acquistare dei carnet di biglietti in anticipo.

Gli spettacoli avranno luogo il sabato alle ore 16:00 e la domenica, con una duplice rappresentazione, alle ore 10:30 e 16:00.
Si inizia con il weekend del 10-11 ottobre con “Super! Sirenetta cercasi” messo in scena da Matàz teatro e Dedalofurioso di Dueville (VI), per poi proseguire con “Federico condottiero e la città ideale” (17-18 ottobre, Atg teatro pirata di Jesi – Ancona) – “Coccole” (24-25 ottobre, Tib Teatro di Belluno), “La terra di Mamot” (31 ottobre – 1 novembre, Atelier Mamot di San Miniato – Pisa), “Il respiro del vento” (7-8 novembre, Cada die di Cagliari), “L’accento sulla A” (14-15 novembre, Matutateatro di Sezze – Latina), “Nel castello di Barbablù” (21-22 novembre, Kuziba di Ruvo di Puglia – Bari),”Il paese delle mucche volanti” (28-29 novembre, Filodirame di Palazzolo sull’Oglio – Brescia).

Il segreto della longevità di questo Festival sta nella sua storia, nella professionalità e passione di chi ne ha instancabilmente rinnovato le proposte, edizione dopo edizione, nella convinzione dell’importante ruolo educativo che il teatro può giocare nella formazione dei ragazzi e dei giovani” ha commentato Andrea Colasio, assessore alla cultura, il quale si è fortemente prodigato, nonostante questo difficile periodo e i dimezzamenti dei posti a sedere, affinché Padova non perdesse un così prestigioso appuntamento artistico, importante per la crescita culturale dei nostri ragazzi, futuri adulti di domani.

(Padovanet – rete civica del Comune di Padova)

Please follow and like us: