Comunicato stampa: seconda edizione di “Photo open up”, il Festival internazionale della fotografia della Città di Padova

“Latitudini quotidiane” il tema di quest’anno, declinato in 12 mostre nei principali spazi espositivi della città. 
Cina e Iran gli ospiti internazionali del Festival.

Torna a Padova la grande fotografia, con la seconda edizione del Festival Photo open up, che si snoderà lungo un percorso espositivo attraverso i principali spazi espositivi della città dal 26 settembre al 25 ottobre.
E’ una edizione che inevitabilmente fa i conti con le limitazioni dovute al Covid con l’impossibilità per molti autori, istituzioni museali e culturali, di operare e prestare le opere, ma che proprio grazie a questa situazione coglie l’occasione per raccontare come la fotografia contemporanea racconti il quotidiano, gli oggetti comuni e i paesaggi che dietro a un apparente aspetto ordinario celano delle visioni “altre”, significati e sentimenti che lo sguardo frettoloso di tutti i giorni non riesce a cogliere. Una riflessione che il Festival riassume nel titolo di quest’anno: “Latitudini quotidiane”.

Il Festival propone diverse mostre che, attorno al tema prescelto, accendono un riflettore sulla fotografia contemporanea con oltre sessanta artisti, partendo da quella nazionale, per allargarsi a quella internazionale, con un’esposizione dedicata alla fotografia cinese e una a quella iraniana, per arrivare fino alle sperimentazioni più innovative legate all’immagine dei nostri giorni.

A questo respiro nazionale e internazionale si affianca l’attenzione alla città attraverso alcune mostre che valorizzano sconosciuti materiali d’archivio, ma anche autori e realtà che sono i nuovi occhi del territorio.

Il Festival si snoderà lungo un percorso espositivo attraverso i più importanti musei e location del centro cittadino: si parte idealmente da Museo Eremitani e Palazzo Zuckermann, attraversando le vie principali toccando Galleria Cavour, Palazzo Moroni e arrivando alla suggestiva struttura della Cattedrale ex Macello.

Date le restrizioni imposte dalla pandemia in corso, il Festival sarà anche sul web e sui canali social con una serie di iniziative come talk e incontri con l’autore.

Le mostre saranno visitabili, gratuitamente, dal venerdì alla domenica con orario dalle 10:00 alle 19:00, e l’accesso sarà regolamentato secondo le norme anticovid in vigore.

Tutte le mostre del Festival, le iniziative collaterali, le mostre del FuoriFestival saranno presentate nei dettagli in conferenza stampa venerdì 25 settembre a Palazzo Moroni.

La manifestazione è promossa dal Comune di Padova, con la direzione artistica di Carlo Sala e la progettazione di Arcadia Arte, la partecipazione di vari partner scientifici come il Three shadows photography Art center di Pechino, PR2 di Ravenna, Fondazione Francesco Fabbri Onlus di Pieve di Soligo, e il sostegno economico della Fondazione Cariparo.

(Padovanet – rete civica del Comune di Padova)

Please follow and like us: