Euganea Film Festival chiude con Elio Germano

Euganea Film Festival
Da Valsanzibio a Monselice alla scoperta dei i luoghi di incontro, di cultura, di aggregazione sociale presenti nel territorio.

Domenica 13 settembre giornata-evento con l’attore Elio Germano

Settimana conclusiva di eventi e proiezioni, da giovedì 10 a domenica 13 settembre per Euganea Film Festival, l’evento itinerante che attraverso il cinema vuole valorizzare, nei luoghi più suggestivi dei Colli Euganei i punti di incontro, di cultura, di aggregazione sociale presenti nel territorio. Giovedì 10 a Valsanzibio verrà consegnato il Premio Crédit Agricole FriulAdria a Carlo Presotto, Presidente del Centro di Produzione Teatrale La Piccionaia. Domenica 13 a Monselice giornata di chiusura del Festival con l’attore Elio Germano con lo spettacolo in realtà virtuale “Segnale d’Allarme / La mia Battaglia”

Si avvia a conclusione la diciannovesima edizione di Euganea Film Festival, la manifestazione itinerante organizzata da Euganea Movie Movement tra i comuni del Parco Regionale dei Colli Euganei che, con la direzione artistica di Pier Paolo Giarolo, porta il cinema nei luoghi più suggestivi e incantevoli del territorio, diffondendo la cultura della Settima Arte e ridando vita a località poco valorizzate, «lontano dai computer o dai telefoni, con i nostri schermi imbevuti di cielo e di stelle, immersi nel respiro degli alberi».

Giovedì 10 settembre il festival inizierà la propria ultima settimana di appuntamenti a Cà Martinengo, adiacente al Giardino Monumentale di Valsanzibio, che sarà visitabile già dalla mattina a partire dalle ore 11.00 secondo gli orari di apertura del parco (per informazioni: 340 0825844, [email protected])

Dalle ore 20.30 l’antico casino di caccia ospiterà la cerimonia di consegna del Premio Crédit Agricole FriulAdria “Parco Colli Euganei” all’attore Carlo Presotto, presidente del Centro di Produzione Teatrale “La Piccionaia” per «il suo lavoro di ricerca sul tema della sostenibilità ambientale che concretizza con i suoi spettacoli esplorando luoghi di confine tra teatro e video, tra performance e rappresentazione, tra infanzia ed età adulta, tra educazione e teatro». Presotto dialogherà poi insieme a Paola Rossi. Il tema sarà la capacità di abitare un luogo e trasformarlo in bene comune, e sarà sviluppato partendo da La voce degli alberi, racconto che, prendendo a testimoni le piante racconta le storie, i desideri, le paure e il lavoro degli uomini. Un tempo lento, il cui ritmo batte calmo nelle profondità delle radici, a confronto con l’avvicendarsi delle generazioni degli uomini e con i cambiamenti dei luoghi e dei paesaggi. La serata si concluderà con la proiezione di You Think the Earth is a Dead Thing di Florence Lazar (Documentario, Francia 2019). Le banane in Martinica sono il prodotto principale dell’agricoltura per l’esportazione.  Gran parte del suolo di questo paese è gravemente inquinato in seguito a decenni di uso non regolamentato del clordecone, un insetticida altamente tossico usato per il trattamento delle piantagioni.

Da venerdì 11 a domenica 13 settembre Euganea Film Festival si sposterà a Monselice, per una tre giorni in luoghi diversi che rappresentano punti nevralgici della comunità locale: Agrimons, il mercato della freschezza, dove produttori locali vendono i propri prodotti lontano dalle logiche della grande distribuzione; Parco Buzzaccarini, polmone verde della città; e  il Cinema Corallo, luogo storico, unica sala di proiezione di Monselice, che finalmente riapre le porte ai cittadini.

Venerdì 11 settembre Villa Pisani ospiterà dalle 16.00 le proiezioni pomeridiane dei film in concorso. Sarà poi eccezionalmente aperto a partire dalle 20.00 Agrimons,il primo mercato contadino d’Italia, in cui si possono conoscere gli agricoltori locali e trovare prodotti di qualità e genuini, un’alternativa ai supermercati dove è centrale la relazione diretta tra consumatore e produttore. Dalle 20.00 alle 21.00 il pubblico sarà accolto dal Neochori Trio (Angelo Vecchi Ghikas, Costantino Vecchi, Pietro Pontini), trio ellenico-veneziano che esplora il repertorio di musiche per danze tradizionali delle diverse aree della Grecia con qualche deviazione nel Rebètiko e nella tradizione popolare urbana. L’ensemble porterà gli spettatori in un altro tempo e in un altro luogo, dove i mercati sono cuore pulsante e momento festoso e gioviale, oltre che sede di scambio e commercio. Dalle 21.00 le proposte cinema seguono questo filo rosso portandoci a Dubrovnik tra strade e mercato con il cortometraggio documentario The Anonymous Shoal (Documentario, Croazia, 20119) di Branko Istvancic, e con il When Tomatoes Met Wagner (Documentario, Grecia 2019) di Marianna Economou, storia degli abitanti di un piccolo villaggio in Grecia che coltivano pomodori biologici, nutrendoli di musica, per poi esportarli all’estero.

Parco Buzzaccarini sarà al centro degli eventi di sabato 12 settembre. Il Parco, sede anche di un Orto Botanico (visitabile nel pomeriggio alle 16.30 accompagnati da una guida del Gruppo Micologico di Monselice) è luogo di incontri, luogo di “respiro”. La serata sarà quindi occasione di riflettere sulle aree verdi come risorsa per la comunità. Dopo la proiezione del video vincitore del bando Memorie Euganee delle 20.30, alle 20.45 seguirà l’incontro con Giorgio Prosdocimi Gianquinto, direttore del Centro Studi Ricerche sull’Agricoltura urbana e Biodiversità e la regista Claudia Brignone, che parleranno di Nuovi spazi verdi nelle città. A seguire sarà proiettato il documentario La villa di Claudia Brignone (Italia 2019) che racconta un luogo e chi lo abita: il grande parco pubblico “La Villa Comunale” di Scampia, Napoli.

Da non perdere, domenica 13 settembre, la giornata conclusiva di Euganea Film Festival che avrà come protagonista un ospite di eccezione: l’attore Elio Germano.

Nel pomeriggio, presso il Cinema Corallo alle 15.00 e alle 18.30, avranno luogo due repliche dello spettacolo in realtà virtuale Segnale d’Allarme/La mia Battaglia. L’opera è la trasposizione in realtà virtuale de La mia Battaglia, un lavoro – messo in scena dallo stesso Germano– che parla alla e della nostra epoca. Lo spettatore sarà portato a piccoli passi a confondere immaginario e reale, grazie alla possibilità offerta dalla realtà virtuale di entrare nella narrazione.Qual è l’allarme? Questo nostro tempo, il diffondersi del pensiero assolutista fomentato da un’informazione deformata di cui la nostra società è vittima. Le nuove tecnologie che hanno cambiato la comunicazione, se da un lato si propongono come democratiche, dall’altro facilitano la manipolazione del pubblico.È in questo contesto che Elio Germano utilizza e allo stesso tempo critica la modernità del linguaggio che ha scelto.Alla fine di ogni proiezione l’attore e il regista Omar Rashid incontreranno il pubblico. [Biglietto unico €13 Prevendita su Eventbrite > https://bit.ly/eug-eliogermano]

Alla sera, alle 20.30, dopo la Cerimonia di premiazione del Concorso Internazionale della 19° edizione di Euganea Film Festival, sarà proiettato il film Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti (Fiction, Italia, 2020), ritratto del pittore Antonio Ligabue che è valso a Elio Germano il premio come Miglior Attore al Festival di Berlino – Berlinale 2020. [Biglietto d’ingresso: 6 euro, prevendita su Eventbrite].

Per informazioni:
www.euganeafilmfestival.it
[email protected]
042974309

Scarica il comunicato
Accedi alla cartella stampa

(Studio Pierrepi)

Please follow and like us: