Turchia, ambasciatore a Roma: “Su Santa Sofia decisione sovrana”


Si fonda su “basi legali” ha detto Murat Salim Esenli rispetto alla riconversione in moschea. Ed ha aggiunto: “Santa Sofia è aperta ai cristiani”
Roma, 14 lug. Su Santa Sofia la Turchia ha preso una “decisione sovrana” che si fonda su “basi legali”. Lo ha detto l’ambasciatore della Turchia in Italia, Murat Salim Esenli, incontrando i giornalisti nella sede diplomatica di via Palestro. “E’ al governo della Turchia che spetta decidere la sua destinazione”, ha affermato il diplomatico, ricordando come il sito sia rimasto moschea fino al 1931 e come sul piano legale l’edificio era proprietà di una Wafq, ossia “una fondazione” che ne aveva la proprietà e che era legata al sultano Mehmet che la utilizzava come moschea. In un secondo momento il governo turco ha preso il controllo della fondazione ed è diventato il custode della moschea. Confermato, inoltre, il valore culturale dell’edificio storico, che come ha ricordato l’ambasciatore resta un sito patrimonio dell’Unesco.
L’ambasciatore ha poi aggiunto che Santa Sofia è aperta allo stesso modo ai musulmani e ai cristiani. “In Turchia ognuno è libero di professare la propria fede”, ha affermato il diplomatico, ricordando come solo a Istanbul esistano “89 chiese e 21 sinagoghe”.
E rispetto alla riconversione di Santa Sofia in moschea ha detto che “non importa se sei musulmano, cristiano o ebreo, tutti possono andare in moschea, come ha ricordato il presidente Recep Tayyip Erdogan”.

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Turchia, ambasciatore a Roma: “Su Santa Sofia decisione sovrana”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


14 + dodici =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.