Vaia: “Tamponi a tutti i passeggeri da Paesi dove virus cresce”


Il direttore sanitario dell’Inmi Spallanzani di Roma all’Adnkronos Salute: “Non basta misurare la temperatura o l’autocertificazione”
Roma, 5 lug. (Adnkronos Salute) – “Serve una grande attenzione a porti, aeroporti e stazioni. Occorre fare i tamponi a tutti i passeggeri provenienti da Paesi nei quali il virus è in crescita. Non basta la temperatura o l’autocertificazione”. Lo sottolinea all’Adnkronos Salute Francesco Vaia, direttore sanitario dell’Inmi Spallanzani di Roma, commentando l’aumento di casi di Covid-19 registrati a Roma di persone rientrate da Paesi extra Schengen.
“Il coronavirus è tema che coinvolge tutti i settori della società civile. Non è sufficiente che la sanità pubblica faccia bene, come ha fatto finora – rimarca Vaia – Ciascuno deve partecipare anche i cittadini con il loro comportamento perché vedo troppa rilassatezza in giro. E anche i gestori di piccole e grandi società devono fare la loro parte. Nel caso dell’aeroporto di Fiumicino anche Adr. Ma non solo – suggerisce il direttore – le grandi stazioni, gli stabilimenti balneari, i gestori di discoteche e luoghi di intrattenimento. Una grande e sinergica alleanza per sconfiggere definitivamente il virus”.
Infine, il direttore Vaia fa un appello anche alla politica: “Metta da parte almeno per un momento le proprie divisioni e conduca il Paese fuori dall’emergenza”.

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Vaia: “Tamponi a tutti i passeggeri da Paesi dove virus cresce”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


sedici − 13 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.