Il numero di giocatori d’azzardo problematici nel Regno Unito è di oltre 400.000

Un rapporto della Gambling Commission rivela che più di 2 milioni di persone sono dipendenti dal gioco d’azzardo o rischiano di sviluppare un problema. Una tendenza che è peggiorata durante il blocco, dato che il fatturato dei casinò online è esploso. 

La tentazione c’è ancora

Gli attivisti hanno chiesto un giro di vite sul gioco d’azzardo, i casinò e i siti di scommesse a quote fisse, che spingono i giocatori a scommettere sempre di più.
Più di 2 milioni di persone nel Regno Unito sono giocatori d’azzardo problematici o persone a rischio di dipendenza, secondo l’autorità di regolamentazione del settore, che ha avvertito che il governo e le parti interessate non stavano facendo abbastanza per affrontare il problema.
Il rapporto della Gambling Commission ha stimato che il numero di britannici di età superiore ai 16 anni considerati come giocatori d’azzardo problematici è aumentato di un terzo in tre anni, suggerendo che circa 430.000 persone soffrono di gravi dipendenze.
Ha anche trovato un aumento della dipendenza tra coloro che giocano d’azzardo nei controversi terminali di scommesse a quote fisse (FOBT), che sono stati criticati per aver permesso ai clienti dei negozi di scommesse di spendere fino a 100 sterline ogni 20 secondi.
All’inizio di quest’anno, il governo ha ritardato una relazione sulla necessità di ridurre il numero di tali terminali e di limitare la diffusione di pubblicità di giochi d’azzardo in televisione.

Gioco d’azzardo: Un racket scandaloso e organizzato

Con il Dipartimento della Cultura, dei Media e dello Sport che non si prevedeva di pubblicare le sue raccomandazioni fino ad ottobre, il direttore esecutivo della Gaming Commission Tim Miller ha avvertito che né il governo né l’industria del gioco si stavano muovendo abbastanza velocemente.
“Siamo chiaramente impegnati a rendere il gioco d’azzardo più equo e sicuro e queste cifre dimostrano che si tratta di una sfida significativa”, ha detto. “Il successo dipenderà da noi, dall’industria, dal governo e da altri che lavorano insieme con un obiettivo comune di protezione dei consumatori.
“Finora il ritmo del cambiamento non è stato abbastanza veloce – occorre fare di più per affrontare il problema del gioco d’azzardo”.
GambleAware, l’ente di beneficenza leader nel Regno Unito per il gioco d’azzardo, che finanzia l’unica clinica specializzata nel Regno Unito per la dipendenza da gioco d’azzardo a Londra, ha ribadito la sua richiesta all’industria di aumentare i finanziamenti per il trattamento della dipendenza.
GambleAware riceve circa 8 milioni di sterline all’anno dal settore, ma ha chiesto che questo importo venga aumentato a 10 milioni di sterline.
Anche questo è inferiore alla donazione suggerita dal Responsible Gambling Strategy Board, che è lo 0,1% del record di 13,8 miliardi di sterline che l’industria ha ricevuto dai giocatori britannici l’anno scorso, ovvero 13,8 milioni di sterline.

La regolamentazione del gioco d’azzardo online rimane invariata

Il rapporto della Gambling Commission, che ha richiesto quasi due anni per raccogliere e tracciare i casi di dipendenza da gioco d’azzardo fino al 2015, ha rilevato che il tasso di gioco d’azzardo problematico è sceso dallo 0,6% nel 2012 allo 0,8% tra le persone di età superiore ai 16 anni.
Questo suggerisce un aumento di oltre 100.000 giocatori d’azzardo problematici a 430.000, anche se la commissione ha descritto il tasso come “statisticamente stabile”. Il numero totale di persone a rischio sale a oltre 2,3 milioni se si includono 2 milioni di persone considerate a basso o moderato rischio di dipendenza.
Nonostante questo apparente aumento, l’Association of British Bookmakers ha dichiarato che il rapporto della commissione ha dimostrato che “i livelli di gioco d’azzardo problematico nel Regno Unito sono stabili”. Lo stato ha vietato la pubblicità dei casinò online durante il blocco, ma questo non ha rallentato l’aumento delle presenze in questo periodo.
“Cercare di vietare un singolo prodotto di gioco d’azzardo sposterà semplicemente i giocatori d’azzardo problematici verso altre aree piuttosto che affrontare la causa alla radice del problema”, ha detto l’ABB. L’organismo di categoria ha chiesto una maggiore cooperazione all’interno dell’industria per ridurre i livelli di gioco d’azzardo problematico. Secondo il rapporto della Commissione, circa l’11,5% delle persone che usano le macchine presso i bookmaker sono giocatori d’azzardo problematici, rispetto al 7,2% del 2012. 
Il gioco d’azzardo online rappresenta un rischio importante nell’aumento del numero di persone dipendenti dal gioco d’azzardo. L’accesso facile e illimitato fornito dalle piattaforme di gioco presenta un reale rischio per la salute della popolazione, eppure gli stati non sostengono e sempre più nuovi casinò  come questo, offrono bonus sempre più attraenti per sedurre la gente. 

Il lavoro sta suonando l’allarme.

Un portavoce della Campagna per il gioco d’azzardo equo, che vuole che la puntata massima sui FOBT sia ridotta a 2 sterline, ha dichiarato: “L’aumento del tasso di gioco d’azzardo problematico associato ai FOBT dovrebbe allarmare i responsabili politici.
“I bookmaker hanno detto che, poiché il tasso complessivo del gioco d’azzardo problematico nella popolazione è statico, i FOBT non sono dannosi. I dati pubblicati oggi, che mostrano un aumento del tasso, hanno completamente minato l’argomentazione dei bookmaker.
Carolyn Harris, parlamentare laburista di Swansea Est “Il problema non se ne va, anzi sta peggiorando”.
Mentre il DCMS dovrebbe ridurre la posta in gioco massima sui FOBT, fonti a Whitehall hanno già detto al Guardian che il Tesoro si oppone alle severe restrizioni, temendo l’impatto sul suo prelievo fiscale. Mentre gli attivisti della campagna hanno citato i dati sui FOBT, la commissione ha trovato alti tassi di problemi di gioco d’azzardo anche in altri settori dell’industria.

La dipendenza dal gioco d’azzardo in numeri: 

Circa il 15,9% dei giocatori di poker nei pub e nei club sono stati definiti giocatori problematici, mentre la percentuale più alta è stata del 20,1% per la pratica relativamente rara delle scommesse scaglionate e l’uso degli scambi di scommesse. I casinò online e le slot machine, una delle forme di gioco d’azzardo in più rapida crescita, avevano un tasso del 10,6%.
La Remote Gambling Association, che rappresenta le aziende online, ha dichiarato: “Rispetto ad aree come le lotterie e il bingo, il gioco d’azzardo online è generalmente classificato come ‘gioco d’azzardo più difficile’ ed è ancora in grado di attrarre una maggiore proporzione di giocatori problematici e a rischio, e questo studio lo dimostra.
“I livelli relativamente elevati di regolamentazione del gioco d’azzardo online riflettono anche questo, ma dobbiamo assumercene la responsabilità e cercare in modo proattivo di minimizzare questi rischi per tutti i consumatori”.
Ha detto che i membri della RGA stavano lavorando a diverse iniziative per identificare i modelli di dipendenza e intervenire prima.
Il rapporto ha rilevato che anche i tassi di gioco d’azzardo problematico, definito come gioco d’azzardo “in misura tale da compromettere, interrompere o danneggiare le attività familiari, personali o ricreative”, variano notevolmente a seconda di fattori quali il sesso, l’età, il luogo e l’etnia.
Solo lo 0,2% delle donne ha un problema di gioco d’azzardo, questa cifra sale all’1,5% per gli uomini e al 2,3% per gli uomini tra i 25 e i 34 anni.
Please follow and like us:

Be the first to comment on "Il numero di giocatori d’azzardo problematici nel Regno Unito è di oltre 400.000"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


14 − 3 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.