L’Arabia Saudita continua nelle misure proattive di sviluppo nello Yemen durante la pandemia da COVID-19

ADEN, Yemen, 3 giugno 2020 /PRNewswire/ — Fin dalla sua prima presenza sul terreno in Yemen nel maggio 2018, l’SDRPY ha affrontato la salute, l’ambiente e altre problematiche con progetti di sviluppo e iniziative in cooperazione con il governo yemenita e le autorità locali, condividendo le esperienze con le organizzazioni internazionali e locali di riferimento per arrivare alle migliori pratiche di diretto beneficio per i cittadini yemeniti. Mentre i bisogni in Yemen crescono ora in conseguenza della pandemia da COVID-19, l’SDRPY continua nelle sue operazioni.

I progetti dell’SDRPY aiutano a innalzare gli standard sanitari e ambientali e limitano la diffusione del coronavirus, fornendo moderne attrezzature da laboratorio a ospedali e centri medici e assicurando medicinali e provviste. I progetti a sostegno del settore sanitario in Yemen, prima linea di difesa contro la pandemia, hanno aumentato anche la capacità degli yemeniti di fornire cure mediche ai loro connazionali. L’SDRPY ha reso possibile che i servizi medici raggiungessero i pazienti bisognosi nelle zone remote, non solo nelle città. I progetti sulle isole e nei distretti rurali e remoti hanno facilitato l’accesso alle cure mediche per tutti, compresi quei pazienti che non avevano mai potuto accedere a tali servizi prima d’ora.

Anticipando il primo caso registrato di COVID-19 in Yemen, SDRPY ha lanciato una campagna di prevenzione e disinfezione con il Ministero della Sanità yemenita e il Fondo per la pulizia nel governatorato di Hadhramaut. Questo ha comportato la sanificazione e sterilizzazione di luoghi pubblici, mercati e zone residenziali, anche nelle città della costa a cominciare da Mukalla.

I progetti medici a Socotra comprendono la riqualificazione e l’equipaggiamento del Centro di maternità e pediatria, del Centro sanitario di Nogid e di quello di Amadhen, e il progetto dell’Ospedale di Socotra da 9.000 metri quadrati con 95 posti letto. Nel governatorato di Al-Mahra, il programma ha costruito ed equipaggiato un centro di dialisi renale e costituito un reparto di terapia intensiva e edificio operativo nell’Ospedale centrale di Al-Ghaydah. Il lavoro dell’SDRPY ad Aden comprende l’equipaggiamento del centro di dialisi, fornendo un impianto di desalinizzazione e attrezzature mediche all’Ospedale Repubblicano, riqualificando l’Ospedale generale di Aden e istituendo il Centro di cardiologia. Nel governatorato di Hajjah, il programma ha arredato ed equipaggiato il centro sanitario sull’isola di Al-Fasht e fornito un’ambulanza completamente equipaggiata ad Hayran. Hadhramaut ha ricevuto cinque moderne ambulanze, e nel governatorato di Marib i centri di terapia intensiva sono stati attrezzati dall’SDRPY, e ambulanze sono state fornite all’Ospedale generale di Kara, all’Ospedale 26 Settembre e all’Ospedale dell’autorità di Marib.

Nella capitale provvisoria di Aden, la spazzatura accumulata aveva causato il diffondersi di malattie. L’SDRPY ha risposto intervenendo con macchinari e attrezzature per la rimozione dei rifiuti attraverso un piano disposto con la società civile e gli enti municipali ufficiali. Nel primo mese della campagna ‘Beautiful Aden’, ora nella seconda fase della sua durata di tre mesi, e’ stato rimosso il 222% dei rifiuti totali previsti da togliere durante la fase uno. La campagna ha servito 120.155 beneficiari diretti e 341.744 indiretti nel governatorato e superato i suoi target prestabiliti rimuovendo 21.755 metri cubi di rifiuti che si erano accumulati nelle strade e nei quartieri di Aden. L’obiettivo prefissato era quello di rimuovere 9.000 metri cubi.

I progetti dell’SDRPY contribuiscono anche a ridurre i rischi associati all’uso di acqua sporca e a prevenire alcune malattie come il colera. L’SDRPY continua a fornire cisterne d’acqua, a scavare pozzi e sviluppare il settore idrico con un gran numero di progetti, affrontando così la minaccia del COVID-19 ed altre epidemie e malattie.

Con i suoi progetti di agricoltura e pesca, l’SDRPY ha attenuato l’impatto dell’attuale crisi sulle famiglie e le comunità dello Yemen potenziando la produzione di cibo. Il programma ha aiutato a migliorare la sicurezza del cibo, sviluppare capacità e accrescere l’efficienza nelle comunità locali, rendendole più resilienti durante la pandemia da COVID-19.

Cosa di cruciale importanza, SDRPY tiene in considerazione i problemi climatici nello Yemen nel quadro del suo piano di crisi ed emergenza. Il programma affronta queste crisi per favorire il lavoro di sviluppo, stando al fianco degli yemeniti nelle province colpite che cadono vittime dei pericoli derivanti dal clima.

Foto – https://mma.prnewswire.com/media/1176292/SDRPY_visiting_patient.jpgFoto – https://mma.prnewswire.com/media/1176293/Beautiful_Aden_workers.jpg  

(Immediapress – Adnkronos
Immediapress e’ un servizio di diffusione di comunicati stampa in testo originale redatto direttamente dall’ente che lo emette. Padovanews non e’ responsabile per i contenuti dei comunicati trasmessi.)

Please follow and like us: