Coronavirus, in India 30mila casi


In Asia è seconda solo a Cina, chiesta la proroga del lockdown che scade il 3 maggio
Nuova Delhi, 28 apr. Sono quasi trentamila le persone contagiate dal coronavirus in India, dove sono 937 le persone che hanno perso la vita dopo aver contratto l’infezione. Il nuovo bilancio, aggiornato dalle autorità sanitarie di Nuova Delhi, porta l’India a essere seconda solo alla Cina per numero di persone contagiate dal Covid-19 in Asia. E rende difficile pensare di allentare le misure di lockdown in corso da quasi sei settimane e in scadenza nel weekend, ovvero il prossimo 3 maggio.
Con circa 1.500 nuovi casi ogni giorno, il governo del premier Narendra Modi sta mettendo in dubbio anche la decisione di tenere aperte fattorie e attività industriali in alcune zone rurali meno colpite dal Covid-19. ”L’India è ancora nella fase ascendente della curva epidemica e allentare le restrizioni provocherebbe un aumento incontrollato dei casi”, ha detto S.K. Sarin, il medico che guida la task force governativa per il controllo del coronavirus a Nuova Delhi, uno degli epicentri della pandemia.
”Stiamo chiedendo che il lockdown venga esteso oltre il 3 maggio. Che non vengano permessi collegamenti con trasporti pubblici attraversi gli Stati”, ha dichiarato Pramod Sawant, chief minister di Goa, meta scelta da centinaia di migliaia di turisti.

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Coronavirus, in India 30mila casi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


1 × uno =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.