Fase 2 per gradi: prima aziende, poi cittadini


La parola d’ordine del governo, al lavoro con gli scienziati, è prudenza: non sarà “un liberi tutti”. Alla riunione di Conte-ministri-Comitato tecnico scientifico di date non si è parlato. Si ragiona sulla cosiddetta ‘patente d’immunità’
Roma, 7 apr. “Massima prudenza, piccoli passi”. Questa la raccomandazione che il Comitato tecnico scientifico ha affidato al premier Giuseppe Conte e ai ministri riuniti oggi in conference call per decidere i prossimi passi da compiere. La scadenza all’orizzonte è quella del 13 aprile, la deadline è contenuta nel Dpcm che ha decretato il lockdown per il Paese. La decisione su cosa fare -prorogare le misure o allentarle- è squisitamente politica e spetta al governo. Che deciderà ma avvalendosi del parere degli scienziati, che invitano alla gradualità e alla prudenza.
Il ritorno alla normalità è lontano, “indosseremo le t-shirt”, scherza con l’Adnkronos uno dei ministri presenti all’incontro. Ma soprattutto, come noto, arriverà per step. Prima si allungherà la lista Ateco con le aziende pronte a riaprire i battenti -il Mise è in prima linea in questa partita- poi pian piano toccherà alle altre attività produttive del Paese. In fondo alla lista ristoranti, bar e pub, dove si gioca gran parte della vita sociale degli italiani. Non a caso per i cittadini il ritorno alla normalità verrà solo poi. E anche qui un passo alla volta, mascherine sul volto e distanza di sicurezza a dividere ancora abbracci, chissà per quanto.
Perché di date, alla riunione di oggi, non si è fatto parola, assicurano alcuni presenti. Ma la fase due, che non sarà “un liberi tutti”, va delineata, studiandone le modalità. Che passano, ancora una volta, dagli scienziati, chiamati a ragionare anche sulla cosiddetta ‘patente d’immunità’, i test sierologici per verificare chi ha sviluppato anticorpi al Covid-19. Uno spiraglio per un ritorno a qualcosa che somigli, seppur lontanamente, alla normalità.

(Adnkronos)

Please follow and like us: