Coronavirus: Unioncamere Veneto, bene portale Pro-Q gratuito per imprese e pa



Venezia, 6 apr. (Adnkronos/Labitalia) – Venicecom è un’azienda veneziana specializzata nei settori dell’e-Procurement e nelle piattaforme di gestione della sicurezza sul lavoro, oltre che nelle soluzioni di smart working ed e-learning, ha infatti messo a disposizione gratuitamente delle pubbliche amministrazione e delle aziende private italiane la piattaforma Pro-q, consentendo a stazioni appaltanti pubbliche e uffici acquisti di aziende di fronteggiare le necessità urgenti di approvvigionamento di beni, servizi e lavori, in via completamente telematica e sicura e in modalità smart working.
Il presidente di Unioncamere Veneto, Mauro Pozza, plaude all’iniziativa di Venicecom: “Si tratta -spiega- di un’azione importante a favore delle imprese e delle Pubbliche amministrazioni per cercare di dare un supporto concreto ed operativo in un ambito estremamente complesso ed articolato come quello delle gare d’appalto. Le procedure e le pastoie burocratiche infatti rappresentano un freno per le imprese anche in una situazione normale e lo sono ancora di più in un contesto anomalo come quello che stiamo vivendo, ben venga, quindi, la piattaforma di Venicecom”.
“È un’iniziativa -aggiunge- che conferma come il Veneto abbia tutte le carte in regola per rimettersi in moto e tornare ad essere la locomotiva del Nordest. Quella di Venicecom insieme a tante altre esperienze messe in campo in questi giorni confermano come il tessuto delle nostre imprese stia facendo squadra per uscire dalla fase difficile che stiamo attraversando”.
“Siamo consapevoli -spiega Pierluigi Aluisio, presidente di Venicecom che uno dei grandi rischi è il blocco degli approvvigionamenti solitamente garantiti dalle gare d’appalto. Abbiamo quindi voluto dare alla comunità uno strumento immediato, utile, gratuito per fronteggiare il rischio del blocco delle gare con particolare riferimento a quelle in ambito sanitario”.
“La grave emergenza sanitaria che sta investendo il nostro Paese -continua Aluisio- ha messo in crisi e sta bloccando l’espletamento delle tradizionali procedure di gara e di approvvigionamento, anche dei beni e servizi essenziali, sia per le stazioni appaltanti pubbliche che per gli uffici acquisti delle aziende private. l’unica strada per gestire i processi di gara e di approvvigionamento da remoto sono le soluzioni di eprocurement già diffuse sul mercato, ma che necessitano di supporto ed assistenza per la corretta e sicura fruizione. l’azienda ha, quindi, deciso di mettere a disposizione degli utenti sia pubblici che privati le proprie competenze e gli specialisti di eprocurement pubblico e privato per lo svolgimento delle gare urgenti nazionali ed internazionali di acquisto di dispositivi di protezione individuale e di sicurezza, di servizi sanificazione e di sorveglianza sanitaria individuale legate alla protezione personale dall’infezione Coronavirus”.
La piattaforma Pro-q è pienamente funzionante è garantisce un sistema unico, immediato e sicuro, ma soprattutto assistito in smart working.

(Adnkronos)

Please follow and like us: