Coronavirus in un Centro analisi romano al via i test sierologici

(Roma, 3 aprile 2020) – Presso i centri Nomentano Group di Roma, uno screening che permetterà di individuare la presenza nel sangue del paziente di anticorpiu’ IgM e IgG anti SARS CoV2

Roma, 3 aprile 2020 – Il vaccino contro il coronavirus potrebbe arrivare entro la fine dell’anno, ma mentre nei centri di ricerca di tutto il mondo si insegue questo traguardo, le autorità sanitarie stanno rivolgendo la loro attenzione a strumenti diagnostici che possano riportare man mano la popolazione ad un graduale ritorno alla nomalità.

Ora anche nel Lazio e’ possibile effettuare test sierologici per l’individuazione delle IgG e igM SARS-CoV2 presso i centri Nomentano Group di Roma, struttura accreditata con il SSR, per fornire un valido ausilio per il contenimento della diffusione del virus.

Anche se al momento il tampone per l’analisi molecolare e’ l’unico mezzo diagnostico per l’individuazione diretta del virus, questo esame sarà un utile strumento per l’inquadramento del paziente.

Il test sierologico non costituisce né sostituisce il test molecolare (es. tampone faringeo) che e’ l’unico effettivamente diagnostico (come previsto dalla Circ. Min. 9/3/2020 ss.mm.) ma e’ ad esso complementare. Questo test, effettuato su consiglio del medico, può comunque avere un’indicazione nei seguenti casi: verificare un’infezione da Covid-19 in pazienti che non hanno potuto fare il test diretto; verificare se il paziente e’ immunizzato per il Covid-19 (sebbene ad oggi non esistano certezze scientifiche che l’immunizzazione sia definitiva).

Il test servirà ad individuare la presenza nel sangue del paziente di anticorpiu’ IgM e IgG anti SARS CoV2. Le IgM sono gli anticorpiu’ che in molte malattie infettive identificano la risposta immunologica della fase acuta o iniziale, mentre le IgG sono gli anticorpiu’ che identificano la risposta immunologica persistente, ovvero che dura anche dopo la fine della fase acuta della malattia.

In presenza di anticorpiu’ IgM e’ probabile che il paziente sia stato a contatto con il virus in un periodo recente e che l’infezione sia in fase iniziale o acuta. Nel caso di presenza di anticorpiu’ IgM e IgG e’ quindi probabile che il paziente sia stato a contatto con il virus nei 15-25 giorni antecedenti al prelievo. Nel caso di presenza di anticorpiu’ solo IgG e’ probabile che il paziente sia stato a contatto con il virus e si sia immunizzato.

Tutte e tre le strutture del Gruppo Nomentano presenti a Roma effettueranno presso i propri laboratori di analisi cliniche test in chemiluminescenza in vitro che hanno una sensibilità dell’89,89%, nonché una specificità del 96,5%.

Sarà possibile eseguire il prelievo ematico sia in forma domiciliare che ambulatoriale in base alle disponibilità e previo appuntamento e i referti verranno consegnati via e-mail entro 24 ore dall’esecuzione dal prelievo.

Considerata la difficile contingenza socio-economica, il servizio verrà offerto con delle tariffe calmierate così da permetterne la fruizione ad un’ampia fascia di utenti e solo dietro prescrizione medica.

Per info: https://www.studionomentano.it/

(Immediapress – Adnkronos
Immediapress e’ un servizio di diffusione di comunicati stampa in testo originale redatto direttamente dall’ente che lo emette. Padovanews non e’ responsabile per i contenuti dei comunicati trasmessi.)

Please follow and like us: