Centro Servizi per Anziani di Merlara: un contributo per arginare l’emergenza

I Sindaci della Bassa padovana hanno lanciato un appello corale per il Centro Servizi per Anziani di Merlara, duramente colpito dal coronavirus. La Fondazione ha risposto destinando 20.000 euro per far fronte all’emergenza della struttura.

8 ospiti deceduti, 6 ricoverati e i restanti 59 positivi al COVID-19, così come risultano essere positivi al virus metà degli operatori sanitari del Centro Servizi per Anziani “Scarmignan” di Merlara, nella bassa padovana.

È questo il drammatico bilancio della struttura, che ospita 73 anziani, e ora si trova in emergenza per mancanza di personale e di dispositivi di protezione.

Di comune accordo, il Presidente della Provincia di Padova, i Sindaci di Montagnana, Urbana, Merlara, Megliadino S. Vitale, Casale di Scodosia, Masi, Castelbaldo e Borgo Veneto hanno lanciato un appello per trovare una rapida soluzione alla pesante situazione in cui versa il Centro Servizi.

Una situazione che sta avendo ripercussioni sull’intero territorio, ben oltre i confini di Merlara.

Ascoltare i bisogni e agire tempestivamente

La Fondazione ha risposto all’appello destinando 20.000 euro alla struttura, consapevole che oggi più che mai è fondamentale ascoltare i drammatici bisogni del territorio e agire tempestivamente.

Abbiamo scelto di dare una risposta immediata al Centro Servizi per Anziani di Merlara, consapevoli dell’urgenza e della gravità di questa piccola realtà socio-sanitaria decentrata, ma con una funzione fondamentale nella comunità in cui è inserita.

– Gilberto Muraro, Presidente Fondazione Cariparo

Il contributo destinato al Centro Servizi per anziani di Merlara rientra nei 5 milioni di euro che la nostra Fondazione ha stanziato per i territori di Padova e Rovigo, per arginare l’emergenza in campo sanitario, sociale ed economico.

(Fondazione Cariparo)