Coronavirus, a Roma le consegne si fanno taxi



Roma, 19 mar. – Per far fronte all’emergenza Covid-19 e diminuire gli spostamenti dei cittadini, Wetaxi, la piattaforma digitale per il taxi a tariffa massima garantita, in collaborazione con la cooperativa romana Samarcanda 06.5551 lancia il servizio di Wetaxi Delivery, attivo dal 18 marzo sul territorio di Roma. Una soluzione che consente ai cittadini di usufruire del servizio offerto dai taxi per ricevere o far consegnare da una parte all’altra della città, ma senza allontanarsi da casa, pacchi, spesa e beni di vario genere.
Il servizio Wetaxi Delivery estende il perimetro di attività dei tassisti da trasporto persone a trasporto di merci, confermando il loro ruolo di ‘servizio pubblico’: nasce in un contesto di emergenza sia per supportare i tassisti, che in queste settimane sono stati colpiti da un netto calo delle corse, che i cittadini, le aziende e i professionisti che possono così far recapitare direttamente ad amici, parenti e colleghi pacchi di diverso tipo, dalla spesa ai medicinali, dai generi di prima necessità a piccoli quantitativi di merci.
“Per adattarci alla situazione attuale e riuscire a trovare – anche in un momento di crisi – il modo di supportare i tassisti, i partner e gli utenti, abbiamo reinventato in tempo record il nostro servizio e rilasciato un aggiornamento della app. Wetaxi Delivery parte da Roma grazie al supporto di Samarcanda 06.5551, ma cercheremo di estendere presto il progetto anche nelle altre città dove siamo presenti”, spiega Massimiliano Curto, fondatore e amministratore di Wetaxi.
“Da sempre crediamo nella collaborazione e nel rispetto: vogliamo supportare e aiutare la comunità in questo momento così difficile. Anche per questo Wetaxi rinuncerà alla sua fee per il servizio di Delivery. Inoltre, a sostegno di coloro che in prima linea si muovono per tutti noi, abbiamo donato parte dei ricavi di Wetaxi realizzati pre crisi Covid19 alla Croce Rossa Italiana”. Per usufruire della funzione Wetaxi Delivery è sufficiente scaricare l’app di Wetaxi o aggiornarla all’ultima release, quindi selezionare dal menù principale l’opzione ‘spedizione con taxi’ o cliccare sulla nuova icona inserita sulla mappa.
A questo punto, si potrà chiamare il taxi per il servizio inserendo l’indirizzo di partenza e quello di destinazione del pacco e impostando l’orario di ritiro dello stesso. La consegna, sia in partenza che in arrivo, avverrà a bordo strada, mentre il requisito fondamentale per il trasporto sarà la dimensione del collo, che non dovrà essere più grande della capienza del bagagliaio.
Il pagamento della ‘corsa’ può essere fatto tramite l’app di Wetaxi con carta di credito, PayPal, Satispay e portafoglio ricaricabile in app, permettendo di ridurre al minimo sia i contatti fisici sia quelli con il denaro e rispettando distanza interpersonale di un metro (ribadita nel Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri dello scorso 11 marzo). Inoltre, andando anche oltre quanto previsto dal Dpcm, l’intera flotta di Samarcanda ha adottato un sistema di sanificazione auto, per garantire un trasporto sicuro, e i taxisti sono dotati di mascherina chirurgica e correttamente istruiti sulle norme igieniche da adottare per un adeguato svolgimento del servizio.

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Coronavirus, a Roma le consegne si fanno taxi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


1 × uno =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.