Coronavirus: coldiretti, a vò agricoltura paralizzata

Padova, 24 feb. (Adnkronos) – Vo’ Euganeo, il Comune padovano isolato per l’emergenza Coronavirus, è uno dei centri agricoli più importanti della provincia. In questi giorni di isolamento, in cui nessuna persona ma anche nessuna merce, tranne quelle deperibili, può entrare o uscire dal paese ai piedi dei Colli Euganei, il settore primario è paralizzato, a partire dalle attività agrituristiche e dalle cantine, le due principali voci dell’agricoltura di Vò, con decine di aziende e centinaia di addetti. Chiusi dallo scorso fine settimana tutti gli agriturismi, oltre 20 in tutto il territorio comunale, la più alta concentrazione della provincia, con disdette che si spingono anche per le prossime settimane. Bloccata l’attività di vendita delle cantine, che non possono evadere gli ordini perché la merce non può uscire dal territorio comunale. Impossibile anche la partecipazione degli imprenditori ai numerosi mercati di vendita diretta organizzati da Coldiretti e altri soggetti in tutta la provincia, perché nessuno dei residenti può uscire dal paese.
“Gli agricoltori continuano a fare il loro lavoro, nei vigneti come in azienda, ma in questo frangente non possono né esercitare tutte le attività connesse – spiega Massimo Bressan, presidente di Coldiretti Padova – dall’accoglienza alla ristorazione, dalla spedizione dei prodotti alla partecipazione ai mercati e alle altre attività. Ogni giorno in quarantena si traduce in una considerevole perdita di reddito per le imprese agricole. Siamo in piena emergenza e a questo punto, come annunciato dallo stesso Presidente del Consiglio nei giorni scorsi, è necessario pianificare da subito misure urgenti di sostegno per il settore primario che a Vò sta subendo un duro contraccolpo economico”.

(Adnkronos)

Please follow and like us: