Riforma Terzo Settore e APS: istruzioni per l’uso

11 febbraio 2020

IMMAGINE PER SITO APS

A seguito dei cambiamenti introdotti dalla Riforma del terzo settore, cerchiamo di rendere semplici e chiari gli ultimi aggiornamenti in merito al registro delle Associazioni di Promozione Sociale (APS).

Premessa
Precisiamo che per usufruire dei benefici previsti dalla legge è fondamentale per le Pro Loco ESSERE ISCRITTE al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS).
Le associazioni APS infatti, al momento dell’entrata in vigore della riforma, verranno automaticamente inserite nella nuova sezione delle Associazioni di Promozione Sociale del Registro Unico Nazionale, con tutti i vantaggi connessi:
• Un regime forfettario, in presenza di proventi commerciali non superiori a 130.000,00 euro, con un coefficiente di redditività pari al 3%. Agevolazione che sostituirà quella prevista dalla Legge 398/1991 che, con l’entrata in vigore della riforma del Terzo Settore non potrà più essere applicata per le Pro Loco;
• L’esclusione dall’applicazione dell’I.V.A., in presenza di proventi commerciali non superiori a 130.000,00 euro;
• La probabilità che le Pubbliche Amministrazioni convoglierà le proprie erogazioni liberali preferibilmente nei confronti delle Pro Loco iscritte nel RUNTS, in quanto garanti di una maggiore trasparenza informativa;
• La possibilità dell’acquisizione della Personalità Giuridica delle Pro Loco con una procedura semplificata;
• Le agevolazioni in materia di imposte indirette e tributi locali, quali l’imposta di successione, di registro e di bollo oltre all’I.M.U.

Cosa fare PER LE PRO LOCO E CONSORZI GIA’ APS
Lo statuto APS tipo per le Pro Loco, conforme con la legge del Terzo Settore è in corso di stesura. A seguito dei ritardi nell’attivazione del RUNTS e mancando ancora diversi decreti attuativi, non è ancora possibile fornire uno statuto tipo conforme alla nuova normativa per le singole Pro Loco e non è ancora stata identificata una data precisa di avvio del procedimento di modifica dello statuto, che verosimilmente avverrà entro la fine del 2020. Il consiglio è quindi quello di rimanere in attesa di aggiornamenti, presumibilmente metà/fine 2020, per procedere poi con le modifiche, utilizzando un fac-simile che è in corso di stesura, al vostro attuale statuto, necessarie per adeguarsi alla normativa.

Cosa fare PER LE PRO LOCO E CONSORZI CHE NON SONO APS
Come già comunicato più volte, a seguito dei cambiamenti introdotti dalla Riforma del terzo settore, si consiglia vivamente l’iscrizione al Registro Nazionale di Promozione Sociale (APS Legge 383/00). Infatti le Pro Loco, i Consorzi e i Comitati che NON sono APS non potranno avere accesso ai benefici della riforma.
Per procedere con l’iscrizione, occorre inviare la documentazione via posta elettronica in formato pdf al Comitato Regionale, all’indirizzo mail [email protected] .
È opportuno presentare la domanda con la massima urgenza ponendo particolare attenzione allo Statuto,che deve contenere tutte le clausole previste dall’art. 3 della Legge 383/2000. Alleghiamo lo statuto tipo e le linee guida per la stesura dello stesso.

L’elenco dei documenti da presentare è disponibile qui a seguire e sul sito di UNPLI Veneto:
Richiesta Iscrizione 383
Dichiarazione All. 1
Relazione descrittiva sulla composizione degli organi sociali ALL. 2
Elenco Attività All. 3
Modulo di iscrizione 383 Completa di Allegati
Documentazione necessaria per domanda nazionale
Sito UNPLI Veneto: https://www.unpliveneto.it/costituire-una-pro-loco/#1459783904998-0407b509-4a8b
ATTENZIONE allo Statuto: deve contenere tutte le clausole previste dall’art. 3 della Legge 383/2000.
Eventuali aggiornamenti saranno prontamente comunicati.

(Proloco Padova)

Please follow and like us: