Lavoro: Confapi Padova, in Veneto si guadagna metà rispetto al Lussemburgo (3)

(Adnkronos) – Nello specifico, i dati Istat confermano che tra il 1995 e il 2018 la crescita della produttività del lavoro in Italia (+0,4%) è risultata decisamente inferiore alla media dell’Unione Europea a 28 (1,6%). Tassi di crescita in linea con la media europea sono stati registrati in Germania (1,3%), Francia (1,4%) e Regno Unito (1,5%). E la stessa Spagna ha registrato un tasso di crescita più basso (0,6%) rispetto alla media europea ma più alto di quello dell’Italia. Lo scorso anno, in Italia, la produttività ha registrato una diminuzione dello 0,3%, a fronte di una crescita delle ore lavorate (1,3%) superiore a quella del valore aggiunto (1,0%).
“Il rallentamento della crescita della produttività è un fenomeno che tocca molte altre nazioni, i cui politici si preoccupano, perché minore produttività significa salari che non crescono ed economia che stagna – conclude Valerio – In Italia, invece, il tema sembra non appassionare. Ma forse, invece di rilanciare temi come la settimana di 4 giorni lavorativi, che periodicamente tornano alla ribalta, bisognerebbe pensare a come riportare il lavoro al centro, rimettendo in discussione abitudini e rendite di posizione”.

(Adnkronos)