Anziani: assessore Lanzarin, ‘per il Veneto che invecchia più risorse per residenze assistite’

Venezia, 15 gen. (Adnkronos) – “Questa amministrazione ha costantemente aumentato negli ultimi cinque anni le risorse regionali dedicate ai servizi residenziali per i non autosufficienti, puntando al riequilibrio tra i diversi territori provinciali. Rispetto al 2015, abbiamo aumentato le risorse per impegnative di residenzialità (vale a dire posti nelle strutture residenziali con retta sanitaria a carico della Regione) di 32 milioni di euro, corrispondenti a 1795 posti in più, ossia a 15 residenze assistite da 120 posti ciascuno”. Così l’assessore alla sanità e al sociale della Regione Veneto, Manuela Lanzarin replica a Stefano Biasioli, primario ospedaliero in pensione, che dalle colonne di un quotidiano nazionale sostiene che la sanità veneta si sia dimenticata degli anziani.
“Il fondo per l’assistenza alle persone non autosufficienti in Veneto quest’anno è stato ulteriormente aumentato di 13 milioni di euro – ricorda l’assessore Lanzarin – per incrementare il numero di impegnative di residenzialità per gli anziani nelle case di riposo in modo da accorciare le liste di attesa per l’inserimento in strutture residenziali, case di riposo, case famiglia, centri diurni”.
“E il bilancio di previsione per il 2020 prevede un ulteriore aumento di 38 milioni di euro rispetto all’esercizio attuale, da investire soprattutto nei servizi residenziali accreditati per la terza e la quarta età. Complessivamente le 366 strutture residenziali accreditate in Veneto accolgono ogni anno circa 48 mila persone over 65 per almeno un giorno”, aggiunge l’assessore.

(Adnkronos)

Please follow and like us: