Veneto banca: mdc, contestate l’associazione a delinquere e la truffa

Treviso, 10 gen. (Adnkronos) – “Finalmente, dopo le tante denunce presentate dal Movimento Difesa del Cittadino, la Procura della Repubblica di Treviso si accinge a rinviare a giudizio alcuni degli ex vertici di Veneto Banca. I reati contestati sono l’associazione a delinquere e la truffa a danno degli azionisti commessa nel periodo che va dal 2012 al 2015. Da quanto abbiamo potuto apprendere, pare che la Procura abbia condiviso integralmente l’impostazione delle nostre denunce. Abbiamo infatti sempre sostenuto che i vertici di Veneto Banca abbiano artefatto i dati di bilancio, raffigurando quest’ultima come un istituto virtuoso, capace di ottenere risultati economici di primaria grandezza”. Lo sottolinea, in una nota, il Movimento Difesa del Cittadino.
“Tale artefazione ha consentito il raggiungimento di un duplice risultato: il prezzo delle azioni è stato sopravvalutato rispetto al reale valore patrimoniale della società e, di conseguenza, l’accumulo di liquidità è stato massimizzato. Inoltre, la diffusione di previsioni prospettiche entusiasmanti, seppur prive di qualsivoglia fondamento fattuale, ha condotto i clienti di Veneto Banca a riporre la loro fiducia nell’acquisto di azioni dell’istituto: così si spiega il fatto che molti correntisti abbiano investito gran parte dei loro risparmi in partecipazioni. L’acquisto delle azioni della banca era rappresentato come una sorta di deposito ad alto rendimento, privo di qualsiasi rischio”, spiega l’associazione.
“Sennonché, lo stratagemma illustrato si è dimostrato insufficiente a far fronte all’elevatissimo fabbisogno di liquidità della banca e, di conseguenza, i vertici della stessa hanno deciso di compiere un passo in avanti: Veneto Banca ha iniziato a imporre ai clienti l’acquisto di azioni come condizione necessaria per l’ottenimento di linee di credito e ha offerto finanziamenti a tassi agevolati finalizzati esclusivamente all’acquisto delle azioni”, spiega Mdc.

(Adnkronos)

Please follow and like us: