Prescrizione, Orlando: “Presto proposta Pd, annunciata a Bonafede”


Il vicesegretario del Partito democratico agli alleati: “Basta stupidaggini”
Roma, 5 dic. Con il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede “ci siamo parlati oggi, abbiamo segnalato al ministro che avanzeremo una proposta” per superare l’impasse sulla . Lo dice il vicesegretario del Pd Andrea Orlando, parlando con i cronisti alla Camera. Come ha reagito Bonafede? “Ho letto dichiarazioni di attenzione. Mi pare che anche quella di Di Maio sia di tono diverso rispetto a quelle dei giorni precedenti. Possiamo lavorare. Poi – osserva ancora Orlando – può darsi che si raggiunga l’accordo oppure no, ma adesso secondo me è il momento di interrompere la discussione a distanza e provare a fare delle proposte concrete. Noi continueremo a farle fino all’ultimo giorno utile. Non vogliamo essere noi quelli sui quali ricade l’accusa di non aver provato fino in fondo a cercare un accordo”. “Ho chiesto di cambiare il clima e mi pare che questo sia avvenuto”, sottolinea l’ex Guardasigilli, che spiega di aver informato della proposta dem anche il premier Giuseppe Conte: “Mi riservo nelle prossime ore di telefonare al presidente del Consiglio” per aggiornarlo sulla prosecuzione della discussione.
“Facciamo un appello a tutte le forze politiche, in particolare a quelle della maggioranza: togliamo di mezzo le stupidaggini – esorta Orlando – Per esempio, non mi riferisco a Salvini che vuole che modifichiamo una norma che ha fatto lui, ma mi riferisco alla evocazione di prescrizioni che si sono determinate nel tempo, che non sarebbero risolte da nessun tipo di norma. Oggi è stata chiamata in causa da un ministro la vicenda Eternit, che è stata portata purtroppo a dibattimento quando già si era prescritta. Quindi anche l’eventuale modifica non avrebbe risolto questo tema. Lo stesso invitiamo a fare quando si parla di reati contro la Pa, perché ormai nella quasi totalità delle fattispecie le pene sono così elevate da non consentire nessun tipo di prescrizione”. “Se vogliamo andare avanti, siccome è giusto porsi il tema di come si evitano le prescrizioni, togliamo di mezzo questa roba – prosegue Orlando -. E questo è quello che ho detto al ministro Bonafede. Ci siamo parlati oggi, abbiamo segnalato al ministro che avanzeremo una proposta” per superare l’impasse sulla prescrizione.
Per Orlando, bisogna “superare il cortocircuito” determinato “dalla norma Bon Bon, Bonafede-Bongiorno, che ha prodotto una contraddizione, perché da un lato c’è la legittima pretesa di interrompere la prescrizione col giudizio di primo grado, che consideriamo un obiettivo condivisibile, se non fosse che contemporaneamente c’è un processo che nel nostro Paese non solo è troppo lungo ma soprattutto è incerto nei tempi della sua durata”.

(Adnkronos)