Cida Sulla questione Inpgi-comunicatori ci aspettiamo chiarezza



Roma, 5 dic. (Adnkronos/Labitalia) – Superare le difficoltà dell’Inpgi attraverso l’ingresso dei comunicatori. Il tema è tornato ieri d’attualità, nel corso dell’assemblea nazionale della Cida. “Le parole del presidente Inps, Pasquale Tridico, ci hanno confermato che l’idea di far confluire la categoria dei comunicatori nella cassa Inpgi è insostenibile. Ribadiamo oggi che su questo argomento pretendiamo chiarezza. Si tratta di una proposta che andrebbe a ledere diritti acquisiti e a mettere a rischio il futuro di questi soggetti”, dice il presidente Cida, Mario Mantovani.
“I motivi della non sostenibilità – si legge in una nota della Cida – di questa proposta sono stati ieri ben sintetizzati dal presidente Inps Pasquale Tridico che, sollecitato dal presidente Cida, ha detto: ‘Lascia molti dubbi e perplessità questa idea. Le critiche mosse rispondono alle mie stesse preoccupazioni. L’operazione di portare fuori dall’Inps questa categoria porrebbe due difficoltà. Una iniziale che consiste nella definizione della categoria dei comunicatori, l’altra è quella finale della sostenibilità e a mio parere è molto rischioso'”.
“Tridico – continua la nota della Cida – ha poi aggiunto che sarebbe poco sostenibile un’operazione di questo tipo per i futuri pensionandi della categoria: ‘A mio parere, invece, è più sostenibile lasciarli all’interno dell’Inps, che è il welfare degli italiani, e i comunicatori sono anch’essi contribuenti dello Stato sociale italiano e hanno tutto il diritto di avere una pensione sicura domani. Reputo quindi che sia più sostenibile lasciarli all’interno dell’Istituto che rappresento'”.

(Adnkronos)