Bellezza: il chirurgo, ‘ritocchi per lui ancora una nicchia, ecco perché’



Roma, 3 dic. (Adnkronos Salute) – Sono due i ‘freni’ al ritocco per lui. “Bisogna dirlo: il rapporto con sangue e dolore non è ottimale; non è un caso che nel totale degli interventi estetici l’uomo si limiti a una fetta di circa il 9%”. Lo afferma all’Adnkronos Salute Pierfrancesco Cirillo, chirurgo plastico e presidente di Aicpe (Associazione italiana chirurghi plastici estetici), commentando le ultime stime dell’Osservatorio Aicpe sulle procedure di chirurgia plastica e medicina estetica effettuate in Italia nel 2018.
Se la rinoplastica resta l’intervento più richiesto dagli uomini, con il tempo sono aumentate le domande di quanti puntano a ringiovanire lo sguardo o rimodellare l’addome. “Bisogna poi considerare le peculiarità del mondo omosessuale: se nel caso delle pazienti trans – precisa Cirillo – la richiesta è di una femminilizzazione estrema, nel caso di un paziente gay non è sempre semplice trovare la quadra. In genere si cerca una forte mascolinizzazione, ecco perché talvolta la visita finisce per durare più del trattamento”. Per evitare delusioni, o risultati indesiderati, “è fondamentale dialogare e comprendere i desideri del paziente”, conclude.

(Adnkronos)

Be the first to comment on "Bellezza: il chirurgo, ‘ritocchi per lui ancora una nicchia, ecco perché’"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


quattro × 5 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.