Veneto seconda regione per imprese “green”: circa 7mila solo a Padova

Il Veneto è una delle regioni che ha dimostrato un’altissima sensibilità al tema ambientale, e a dimostrarlo sono i dati di settore, che parlano di oltre 35mila aziende coinvolte. Padova in questo contesto sta dando un ottimo contributo: le imprese che hanno investito in sostenibilità sono infatti ben 6995. Approfondiamo quindi l’argomento più nel dettaglio, cercando di capire in che modo è possibile rendere la propria impresa più “green”.

Oltre 35mila aziende venete hanno investito nella sostenibilità

Il Veneto rientra tra le regioni che hanno dimostrato maggiore interesse verso le tematiche ambientali nel nostro Paese. È il rapporto Greenitaly 2017 ad approfondire il tema, evidenziando il grande impegno che il Veneto ha profuso in questa direzione, arrivando al secondo posto nella classifica nazionale delle regioni “green”. Più nello specifico, nel periodo compreso tra il 2011 e il 2017 sono state più di 35.000 le aziende che hanno compreso l’importanza di questo aspetto al punto da effettuare degli investimenti in tecnologie e prodotti ecosostenibili. Già nel 2016 le imprese “green” rappresentavano l’80% del totale e il 60% circa si dimostrava interessato a ridurre sensibilmente il proprio impatto sull’ambiente già in fase di progettazione. Si tratta di una tendenza virtuosa che sta coinvolgendo tutta la Penisola: basti pensare che, secondo quanto riportano i dati Istat, la “green economy” del nostro Paese vale oltre 102 miliardi di euro.

I vantaggi per le aziende

I vantaggi del far rientrare un’azienda in un’ottica ecosostenibile sono numerosi: un’impresa di questo tipo è infatti nettamente più competitiva sul mercato rispetto a una che non lo è, attirando di conseguenza un numero sensibilmente maggiore di consumatori, attratti dalla migliore reputazione aziendale. Proprio i consumatori, infatti, sono sempre più consapevoli del peso che ha l’impatto delle aziende sull’ambiente e, di conseguenza, anche sulla loro qualità della vita; per questo motivo saranno portati a spendere più del normale per un prodotto che assicura loro un processo di produzione e distribuzione che sia sostenibile, garantendo così anche un maggior livello di fidelizzazione. E non è tutto, perché le aziende green possono godere di supporti nazionali e internazionali, come dimostrano gli incentivi forniti dall’UE, ad esempio.

Come rendere un’azienda più “green”?

Per far sì che un’azienda sia davvero “green”, rispettando dunque tutte le normative a riguardo e rappresentando un punto fermo per i propri consumatori, è necessario seguire alcuni semplici passaggi. Innanzitutto dovrà fare uso di tecnologie avanzate e in grado di ottimizzare lo svolgimento del lavoro ma soprattutto di eliminare gli sprechi, poi dovrà essere sostenibile dal punto di vista energetico, e ciò è possibile rivolgendosi a dei fornitori che propongono delle tariffe luce business pensate proprio in quest’ottica. Anche la modalità di lavoro in smart working, come dimostrato da diversi studi, consente un impatto ambientale molto minore rispetto agli standard soliti, con emissioni di CO2 sensibilmente inferiori alla media.

Naturalmente il coinvolgimento di tutto lo staff (dagli stagisti ai top manager) sarà fondamentale per dare il via a un circolo virtuoso relativo ai consumi e al riciclo dei materiali; il vero cambiamento, infatti, viene messo in atto da chi vive l’azienda giorno per giorno, ed è proprio per questo che i valori legati alla sostenibilità ambientale dovranno essere necessariamente chiari e condivisi da tutti.

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Veneto seconda regione per imprese “green”: circa 7mila solo a Padova"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


venti − sedici =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.