Inter batte il Verona in rimonta e torna in vetta

Serie A

Milano, 9 nov. – L’Inter si lascia alle spalle la sconfitta e le polemiche di Dortmund e vince 2-1 in rimonta contro un coriaceo Verona, grazie alle reti di Vecino e Barella che nella ripresa replicano al vantaggio gialloblù di Verre su calcio di rigore. Successo meritato per i nerazzurri che nel secondo tempo schiacciano i veneti incapaci di tenere i ritmi forsennati della prima frazione. La squadra di Conte torna così, almeno per una notte, con 31 punti, 2 in più della Juventus impegnata domani sera all’Allianz Stadium contro il Milan; resta fermo a quota 15 il Verona in nona posizione.
Dopo un quarto d’ora iniziale contrassegnato da ritmi alti e nessuna occasione, l’equilibrio si spezza al 18′: lancio di Lazovic per Zaccagni in area, contatto con Handanovic e l’arbitro Valeri indica il dischetto. Handanovic si butta a destra e Verre lo trafigge con una conclusione potente e centrale. Immediata e veemente la reazione dei padroni di casa, cross di Biraghi per Lukaku, colpo di testa e Silvestri che salva la sua porta, poco dopo ancora l’attaccante belga pericoloso con un diagonale di sinistro fuori di un soffio.
Al 27′ ci prova Brozovic ma la sua conclusione scheggia la traversa. Dieci minuti dopo De Vrij tira da 30 metri e Silvestri risponde con i pugni deviando in angolo. Al 44′ grande occasione per il pareggio: cross dalla sinistra di Biraghi, la palla arriva a Vecino che a pochi metri dalla porta ma da posizione defilata batte a rete con Silvestri che salva sulla linea, la goal-line-technology conferma che non è gol.
In avvio di ripresa si fa apprezzare Lazaro per due serpentine sulla fascia destra concluse da due cross sui quali prima Lautaro e poi Vecino non ci arrivano per un soffio. Al 9′ ci prova Lukaku di sinistro ma la palla è deviata in angolo. L’Inter schiaccia il Verona nella sua area e Lautaro ci prova due volte ma viene murato in entrambe le occasioni. Al quarto d’ora Lukaku si libera di forza di un avversario e ci prova da fuori area mandando a lato di poco.
Al 20′ arriva il meritato pareggio con Vecino: cross di Lazaro e il centrocampista uruguayano irrompe di testa e realizza l’1-1. Raggiunto il pareggio continua il forcing dei ragazzi di Conte, al 25′ ci prova Candreva ma il portiere ospite respinge di piede, poco dopo Bastoni tenta un’azione personale chiusa con un tiro sul quale Silvestri ci mette una pezza in angolo.
Al 35′ opportunità clamorosa mancata da Lukaku. Amrabat sbaglia completamente un retropassaggio, il belga è in vantaggio su tutti ma prova un pallonetto di testa facile preda per Silvestri. I tempi del gol però sono maturi e al 38′ Barella si inventa un potente destro a giro da fuori area che fa esplodere San Siro e regala tre punti sudatissimi ma meritati alla sua squadra.

(Adnkronos)