Torna ‘Tu si que vales’ nuova sfida nel sabato sera delle ammiraglie

Tv

Nel talent show di Canale 5 arriva Sabrina Ferilli e Alberto Angela punta sulla Sicilia del Gattopardo con Claudia Cardinale e Terence Hill.

Roma, 18 ott. di Antonella Nesi
Nuova sfida nel sabato delle ammiraglie televisive. Da domani, infatti, torna nella prima serata di Canale 5 ‘Tu si que vales’, il talent show internazionale che vede sfidarsi grandi performer nelle discipline più disparate e che si presenta con una nuova veste. Confermata la giuria composta da Maria De Filippi, Gerry Scotti, Teo Mammuccari e Rudy Zerbi, resta intatto anche il trio di conduzione formato da Belen Rodriguez, dal campione della Nazionale italiana di Rugby Martin Castrogiovanni e dal campione del mondo di MMA Alessio Sakara. Ma la grande novità di quest’anno è l’arrivo di Sabrina Ferilli. L’attrice pluripremiata avrà il ruolo di rappresentare la giuria popolare, formata da cento votanti presenti nel Teatro 8 negli studios Titanus Elios di Roma.
Mentre dunque su Canale 5 si succederanno a ritmo incalzante le prove dei concorrenti, dal canto alla danza, dagli sport estremi alla magia, dall’escapologia alle arti circensi, su Rai1 Alberto Angela proporrà una nuova puntata di “Ulisse, il piacere della scoperta”, la trasmissione dedicata alla divulgazione storica e artistica. La sfida tra i due programmi andrà avanti per quattro puntate, fino al 9 novembre, giorno di messa in onda dell’ultimo appuntamento di questa edizione di ‘Ulisse’, che finora ha ottenuto una media record, di circa il 20% di share, superando in due occasioni la concorrenza di ‘Amici Celebrities’ su Canale 5, poi spostatosi al mercoledì, in occasione del passaggio di testimone alla conduzione tra Maria De Filippi e Michelle Hunziker.
Per il primo ‘duello’ con ‘Tu si que vales’, ‘Ulisse’ punta domani alle 21.25, sulla Sicilia del Gattopardo, con un viaggio nei luoghi evocati dal romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa e dal capolavoro cinematografico di Luchino Visconti: dal palazzo Valguarnera-Gangi, nel quale fu girata l’indimenticabile sequenza del ballo con Claudia Cardinale, Alain Delon e Burt Lancaster (con Claudia Cardinale che ne ricorderà le atmosfere), alla barocca Palma di Montechiaro, feudo dei principi di Lampedusa, che ispirò in parte lo scrittore per la città di Donnafugata, nella quale si svolge gran parte del romanzo. E ancora: il monastero di clausura di S. Caterina d’Alessandria a Palermo, le catacombe dei Cappuccini e le Saline di Trapani e Paceco. Non mancherà un ricordo personale di Terence Hill, allora attore emergente, che nel film di Visconti interpretava un giovane garibaldino.

(Adnkronos)