Mezzo passo falso per il Napoli a Genk solo 0-0

Champions

Genk, 2 ott. – (AdnKronos) – Mezzo passo falso per il Napoli, che a Genk non dà seguito alla grande vittoria sul Liverpool all’esordio non andando oltre lo 0-0 nel match valido per la seconda giornata del gruppo E di Champions League. I partenopei possono recriminare sulle tante opportunità sprecate, tra cui un palo e due traverse ma sono mancati sul piano dell’intensità e della ferocia agonistica che avevano messo in mostra contro i campioni d’Europa al San Paolo. Ora nella classifica del girone gli azzurri salgono a quota 4, mentre i belgi conquistano il loro primo punto.
Dopo un quarto d’ora di studio la squadra di Ancelotti è la prima a rendersi pericolosa. Cross da sinistra di Mario Rui che attraversa l’area, arriva Callejon e calcia di prima, Coucke salva sul palo, Milik interviene per il tap-in, la prima conclusione viene respinta, poi da terra ci riprova scheggiando la traversa. I padroni di casa reagiscono con un sinistro da fuori di area di Hrosovsky, deviazione di tacco di Cuesta che spiazza Meret e pallone di un soffio a lato.
Al 25′ cross di Callejon per la testa di Milik che da due metri colpisce la traversa. Al 36′ grande parata di Meret su un colpo di testa di Samatta in mischia da calcio d’angolo. Subito dopo altra doppia occasione per gli ospiti. Koulibaly stoppa in area e tira, Hrosovsky salva sulla linea; L’azione prosegue e il difensore belga di testa serve Milik che spreca ancora, da distanza ravvicinata, mandando alto da due passi.
L’ultimo brivido del primo tempo lo corrono i tifosi azzurri, Allan perde malamente palla nella sua metà campo, Berge avanza e calcia di sinistro trovando anche una deviazione che rende la traiettoria più insidiosa ma Meret risponde con una prodezza deviando in tuffo.
In avvio di ripresa ancora gli azzurri in attacco, grande giocata di Fabian sulla sinistra cross basso per Callejon che da ottima posizione manda a lato. Poco dopo Ancelotti rinforza l’attacco inserendo Mertens al posto di Elmas. Proprio il belga ci prova con un destro a giro che Coucke blocca in tuffo. Al 38′ l’ultimo sussulto del match con i padroni di casa vicini a sbloccare la partita: Ito mette in area, Allan scivola clamorosamente e Hagi si divora un rigore in movimento graziando Meret.
“E’ stata una buona partita. Abbiamo avuto l’opportunità di sbloccarla. Siamo stati poco efficaci nella finalizzazione, anche un po’ sfortunati con tre pali. Nel finale abbiamo spinto, ma gli spazi erano chiusi”. L’allenatore del Napoli, Carlo Ancelotti, commenta così lo 0-0 in casa del Genk nella seconda giornata di Champions League. “Abbiamo rischiato qualcosa soltanto su una scivolata, per il resto abbiamo controllato bene – aggiunge il tecnico emiliano a Sky Sport-. L’impegno della squadra c’è stato. E’ un punto in più, ce lo prendiamo e pensiamo al prossimo incontro con il Salisburgo”.
Ancelotti spiega poi la decisione di mandare in tribuna il capitano azzurro, Lorenzo Insigne, nel match di Champions con il Genk. “L’avevo visto poco brillante in allenamento, così ho preferito tenerlo fresco e prepararlo bene per la prossima partita”.

(Adnkronos)