Responsabili Privacy e Dpo solo corsi di alto livello per non sprecare tempo e soldi

(Milano, 23 agosto 2019) – Bernardi: “Con corsi low cost ed learning di basso livello gli addetti ai lavori rischiano di perdere tempo e denaro.” A settembre il 57esimo Master Privacy Officer e Consulente della Privacy accreditato dal Consiglio Nazionale Forense e valido per la certificazione di Tϋv Italia. Il corso di Federprivacy, ora solo in versione “Executive” con classi ristrette e a numero chiuso e’ rivolto a manager d’impresa e professionisti senior. Richiesti per l’ammissione conoscenza di base della normativa e della terminologia giuridica, titolo di studio e un test preliminare

Milano, 23 agosto 2019 – Si svolgerà a Milano dal 9 al 14 settembre 2019 la 57esima edizione dello storico corso di Federprivacy da quest’anno solo in versione “Executive”con quattro classi a numero chiuso e l’innalzamento dei requisiti di accesso. Anche quest’anno il corso e’ stato accreditato dal Consiglio Nazionale Forense con 20 crediti per gli avvocati. Il “Master Privacy Officer e Consulente della Privacy“, da sette anni accreditato dal Consiglio Nazionale Forense e riconosciuto da Tϋv Italia per la certificazione della figura professionale, si rivolge prevalentemente a manager d’impresa e professionisti senior con classi limitate a circa venti partecipanti con l’obiettivo di interagire maggiormente con i docenti e favorire l’apprendimento per l’acquisizione delle competenze in materia di protezione dei dati personali. Oltre all’introduzione del GDPR, anche l’attesa dall’UE della riforma della direttiva ePrivacy, e nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale e la Blockchain che implicano un uso massivo di dati personali da governare correttamente per evitare pesanti sanzioni e rischi di incidenti informatici, nonché i rischi reputazionali che gravano sulle imprese coinvolte, sono tutti fattori che alimentano il fabbisogno di esperti di data protection. Dopo aver contribuito alla formazione di oltre duemila professionisti negli scorsi anni, dal 2019 il numero dei partecipanti nelle classi del Master Privacy Officer e’ stato ridotto drasticamente per rivolgersi a platee più ristrette di professionisti, e il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi, ne spiega le principali motivazioni: “Con l’introduzione del Gdpr si sono moltiplicate le offerte formative in materia di protezione dei dati, e nel web si trovano un’infinità di corsi low cost spesso in modalità in e-learning di basso livello. Anche se la formazione in remoto in molti casi può essere utile, riteniamo però che i professionisti a cui e’ affidato il ruolo di Dpo o la responsabilità di gestire la privacy aziendale debbano acquisire le competenze attraverso percorsi formativi di elevato spessore, e quest’esigenza si può soddisfare solo con la formazione frontale in aule ristrette con la possibilità di interagire con i docenti durante le lezioni. Diversamente, gli addetti ai lavori rischiano di perdere tempo e denaro.” Per accedere al Master Privacy Officer e’ richiesta necessariamente la conoscenza di base della normativa in materia di privacy e della terminologia giuridica e delle definizioni usate dal Legislatore, compresi i termini diffusamente usati in lingua inglese, il possesso di un diploma o laurea come titolo di studio, e lo svolgimento con esito positivo di un test preliminare.

Ufficio Stampa FederprivacyEmail: [email protected]Web: www.federprivacy.orgTwitter: @Federprivacy Mobile: +39 340 2893068

(Immediapress – Adnkronos
Immediapress e’ un servizio di diffusione di comunicati stampa in testo originale redatto direttamente dall’ente che lo emette. Padovanews non e’ responsabile per i contenuti dei comunicati trasmessi.)