Maltempo: Coldiretti Padova, danni per 1,5 mln di euro, 450 ettari di coltivazioni danneggiate

Padova, 2 ago. (AdnKronos) – Danni per almeno un milione e mezzo di euro a circa 450 ettari vigneti, frutteti, ortaggi, mais e soia: è il primo, provvisorio bilancio della violenta perturbazione che mercoledì scorso ha sferzato l’area termale tra Abano e Montegrotto fino a Due Carrare, Maserà e Cartura. Coldiretti Padova e Condifesa Padova, il consorzio che si occupa delle assicurazioni dei prodotti agricoli, stanno raccogliendo decine e decine di segnalazioni dagli agricoltori alle prese con la conta dei danni. E anche oggi è atteso il passaggio di una nuova e intensa perturbazione che potrebbe lasciare il segno anche nella nostra provincia.
Un copione che quest’anno si ripete con una frequenza preoccupante, osserva Massimo Bressan, presidente di Coldiretti Padova: “Le nostre aziende si trovano a fronteggiare continui passaggi di perturbazioni che portano grandine, vento forte e eccesso di pioggia, con conseguenze serie per molte coltivazioni. Mercoledì è stata colpita la zona fra Abano, Montegrotto, Due Carrare, Maserà, Cartura e in parte Albignasego: per venti minuti sono caduti chicchi di grandine grossi come albicocche che hanno sferzato soprattutto i vigneti Doc ai piedi dei Colli, i frutteti fra Due Carrare e Cartura, gli ortaggi a Maserà e Albignasego. Nei vigneti colpiti tra Montegrotto, Due Carrare e Abano la perdita media si aggira oltre il 50 per cento, mentre sui frutteti, in particolare mele e pesche, il danno è anche maggiore. A Due Carrare si arriva anche all’80 per cento in alcune aziende”.
“Danneggiate, seppure con minor impatto, anche le coltivazioni di mais e soia, dove le perdite sono nell’ordine del 30 per cento del prodotto. Stiamo parlando pertanto di un danno complessivo di alcuni milioni di euro. Registriamo danni anche alle strutture come le serre per la coltivazioni dei funghi. Ci stiamo già attivando per la segnalazione all’Avepa e alla Regione dei danni in modo da avviare la procedura per la richiesta dello stato di calamità – spiega – L’impatto di questa nuova ondata di maltempo si potrà valutare con maggior precisione nelle prossime settimane quando sarà il momento di vendemmiare l’uva e di raccogliere la frutta rimasta. Ormai passiamo da un’emergenza all’altra e per oggi sono previsti ancora forti temporali con possibilità di grandine nella nostra provincia”.

(Adnkronos)

Please follow and like us: