Sicurezza: gli obblighi del datore di lavoro

Per saperne di più contatta lo sportello Cobis di Confartigianato

All’interno di un’azienda la prima figura incaricata di garantire la sicurezza sul lavoro e sulla quale ricade quindi l’obbligo del mantenimento dei livelli della stessa è il datore di lavoro. 

E’ fondamentale che il datore di lavoro assolva a tutti gli adempimenti previsti, utili ad evitare che possibili pericoli dovuti all’esercizio dell’attività aziendale possano tradursi in rischio per i lavoratori.

Tra gli adempimenti sulla sicurezza sul lavoro, spetta al datore di lavoro la valutazione dei rischi inerenti la sicurezza e la salute dei lavoratori attraverso la redazione del Documento di Valutazione dei Rischi e l’attivazione della sorveglianza sanitaria, nei casi espressamente previsti dalla normativa vigente.

Il DLGS 81/08 introduce infatti importanti modifiche, in particolare sul ruolo e gli obblighi del medico competente.

Proprio per tale ragione è fondamentale accertarsi della qualifica e della competenza del professionista che si va a identificare e nominare per tale compito.

Si ricorda che il suddetto decreto enfatizza gli aspetti consulenziali della figura del medico, il cui nominativo DEVE essere riportato nel DVR che a sua volta dovrà essere sottoscritto da tutti i soggetti che collaborano all’effettuazione della valutazione dei rischi: datore di lavoro, RSPP, medico competente, Rappresentante dei lavoratori.

Con riferimento a quest’ultima figura, tutte le aziende artigiane (e non) hanno a disposizione il sistema bilaterale dell’artigianato Veneto che prevede, tra le varie opportunità, la possibilità di attivare la rappresentanza territoriale per la sicurezza (i cosiddetti RLST). Gli Rlst  operano in sinergia con gli sportelli territoriali associativi garantendo in tale modo la tutela dell’azienda e dei propri lavoratori.

Per informazioni sull’attivazione di questo servizio è possibile contattare lo Sportello Cobis di Confartigianato Imprese Padova (0498206331).

La violazione degli obblighi in materia di sicurezza e sorveglianza sanitaria è punita con entità diverse a seconda dei vari obblighi e va dalla sanzione amministrativa fino all’arresto.

La mancata nomina del medico competente e la relativa mancata indicazione nel documento di valutazione dei rischi è punita con un’ammenda che va da 1.644,00 a 6.576,00 euro o con l’arresto da 2 a 4 mesi.

Contatta lo sportello di Confartigianato Imprese Padova per ricevere le informazioni necessarie a tutelare la tua l’attività d’impresa e verificare di adempiere agli obblighi previsti dalla normativa:

Micaela Consenti

Ufficio Enti Bilaterali

P.zza De Gasperi 22, 35121 PADOVA

Tel 0498206331

(Unione Provinciale Artigiani Padova)