COLDIRETTI ANCI VENETO E FONDAZIONE SYMBOLA PRESENTANO IL DOSSIER DEI PICCOLI COMUNI CHE FANNO GRANDE L’ITALIA DOMANI, A VICENZA, ALLE ORE 9.30 SALA FRANCESCANA PIAZZA SAN LORENZO

11 luglio 2019 – A Sarmede, paese delle fiabe c’è una scuola di illustrazione internazionale visitata ogni anno da artisti che arrivano da tutto il mondo. Poco più su nel bellunese  a Cibiana le case disegnate dei neanche cinquecento abitanti  sono un’attrazione per migliaia di turisti. A Belfiore, in provincia di Verona si coltiva ancora il melo Decio, antica varietà ora presidio Slow Food e  che dire delle giuggiole ormai considerate bandiere del gusto di Arquà Petrarca sui Colli Euganei ? Nel vicentino il riso di Grumolo delle Abbadesse è vivo ambasciatore della bonifica di un territorio condotta dalle monache nel ‘500, l’insalata Igp di Lusia tiene alto l’onore delle tipicità del Polesine, nel veneziano Cinto CaoMaggiore regala ai visitatori un paesaggio contaminato e chiese medievali. L’elenco dei piccoli comuni che fanno grande il Veneto in Italia non si ferma solo a questi casi. Le mini amministrazioni sul territorio regionale sono oltre trecento e conservano tesori artistici, produzioni tipiche e curiosità insospettabili.
Massimo Castelli Coordinatore Nazionale dei Piccoli Comuni, Roberto Pella Vice Presidente Anci Nazionale, Raffaele Cavalli Docente Università di Padova. Gli interventi saranno anticipati dai saluti del Sindaco di Vicenza Francesco Rucco, dalla Presidente Anci Veneto Maria Rosa Pavanello e dal Presidente di Coldiretti Vicenza Martino Cerantola. L’introduzione ai lavori, moderati dal giornalista Antonio Gregolin, sarà a cura della Presidente della Consulta dei Comuni di ridotta dimensione demografica Mariarosa Barazza. Per sottolineare le azioni di adattamento climatico post calamità atmosferiche ci saranno Roberto Padrin Presidente della provincia di Belluno e l’Assessore  incaricato dal Sindaco di Asiago. La chiusura spetta ad Ermete Realacci Presidente di Symbola e fautore di una legge dedicata, che prevede semplificazioni burocratiche, misure per il turismo, lo sviluppo della filiera corta, dell’agro energia e tanto altro per il benessere delle comunità e la conferma della grande bellezza del nostro Paese.

(Coldiretti Veneto)