‘Salvini Premier’, attivo da oltre un milione

Per la ‘nuova’ Lega 2 milioni di euro dal 2xmille, superato il vecchio Carroccio

Roma, 25 giu. (AdnKronos) – di Francesco SaitaUn ‘attivo’ da 1.254.329,36 euro, proventi pari a 2.494.857,26 euro, in cui fanno la parte del leone le quote del 2xmille che sono state destinate al movimento ‘Salvini premier’ nel 2018, pari a 2.040.528,16. Il bilancio del partito ‘nuovo’ di Salvini, relativo al 31 dicembre 2018, approvato dal Consiglio Federale della Lega e in possesso dell’Adnkronos, ‘racconta’ di un partito che incassa 65mila euro da ‘quote associative annuali’, mentre il contributo versato nelle casse dagli ‘eletti’, a cominciare da deputati e senatori (“contribuzioni da persone fisiche”) è pari a 306.826,60 euro. Facendo un riscontro con quanto si legge nel bilancio della ‘Lega nord per l’indipendenza della Padania’, dagli iscritti sono arrivati ‘solo’ 2.822,40 euro, mentre, viceversa, dai dirigenti sono arrivati 6milioni950mila598,80 euro al vecchio Carroccio.
SUPERATO IL VECCHIO CARROCCIO – Oltre 1,3 mln di euro (1.339.899,65) sono nella disponibilità di ‘Salvini premier’. Si registra dunque un notevole passo in avanti rispetto a quanto dichiarato per il 2017, quando la disponibilità superava di poco i 30mila euro. Il nuovo partito di Salvini sorpassa, nel 2018, la disponibilità di liquidità del vecchio partito, la Lega nord per l’indipendenza della Padania, con sede a Via Bellerio, che ha chiuso il proprio bilancio – relativamente alla voce ‘disponibilità liquide’ – segnando un +875mila 321,50 euro.
25MILA EURO DA CONFAGRICOLTURA – Nelle casse di ‘Salvini premier’ sono arrivati nel 2018 anche 82.655,00 euro, a seguito di alcune erogazioni messe a bilancio. In particolare, nel prospetto visionato da AdnKronos, relativo a ‘dichiarazioni congiunte anno 2018’, si legge che Roberto Calderoli, senatore e vicepresidente del Senato, ha versato erogazioni pari a 6mila euro. I deputati Guido de Martini e Filippo Maturi hanno versato rispettivamente 6.665 mila euro e 20mila. Inoltre 25 mila euro sono stati ‘erogati’ da Confagricoltura-Roma e da Telefin Spa -Verona.

(Adnkronos)