“Farmaci sempre più mirati per cancro tiroide”

Roma – (AdnKronos Salute) – “Ci sono nuovi sviluppi nella gestione del cancro alla tiroide, come quelli offerti da una classe di farmaci, gli inibitori della tirosin chinasi, utilizzati sempre più spesso su pazienti affetti da cancro alla tiroide con malattia avanzata, tipicamente metastatica, per aiutare a controllare la diffusione e la crescita delle metastasi del cancro tiroideo”, ha spiegato Gregory Randolph della cattedra di Oncologia chirurgica della tiroide presso la Harvard Medical School, in occasione del “World Congress on Thyroid Cancer 3.5”, che si è chiuso sabato a Roma. “Alcuni di questi agenti chemioterapici – riferisce – si sono dimostrati più efficaci in determinati casi: se il tumore ha un determinato insieme di mutazioni, ora abbiamo una crescente capacità di personalizzare la terapia chemioterapica basata sull’anomalia mutazionale che è presente nel tumore. Si tratta di sviluppi molto interessanti nel campo dell’oncologia”.
Randolph ha dichiarato di essere “orgoglioso di poter collaborare con i colleghi italiani Rocco Bellantone e Celestino Lombardi del Policlinico gemelli di Roma e con la loro rinomata unità chirurgica”. Commentando poi l’approdo del congresso mondiale sul cancro alla tiroide per la prima volta in Europa, a Roma, affermando che: “Si tratta di un evento davvero unico e multidisciplinare che affronta tutti gli aspetti dell’endocrinologia: chirurgia, oncologia, otorinolaringoiatria, patologia, radiologia, discipline queste tutte richieste per il trattamento ottimale del cancro alla tiroide”.
Randolph ha affrontato anche il tema delle nuove linee guida per la chirurgia della tiroide con particolare attenzione al monitoraggio del nervo: “Uno degli aspetti chirurgici di cui stiamo discutendo al congresso riguarda le nuove linee guida per il monitoraggio neurale, che prendono le informazioni elettriche del nervo e ci permettono di incorporarle nella strategia chirurgica del caso. Quindi, se durante l’intervento c’è un’alterazione nel segnale elettrico del nervo che porta l’attività elettrica al muscolo della corda vocale, essenziale per la deglutizione e la respirazione, a volte possiamo modificare l’intervento chirurgico per renderlo più ottimale”.
Per quanto riguarda i nuovi approcci chirurgici, Randolph ha spiegato: “Stiamo discutendo su una serie di diversi approcci chirurgici: l’ottimizzazione delle complicazioni derivanti dalla chirurgia tiroidea standard, così come la revisione della chirurgia tiroidea e paratiroidea mini-invasiva. Ci sono molte altre procedure da tutto il mondo che sono state documentate e presentate al congresso, comprese quelle trans-orali e le procedure in cui l’accesso alla tiroide si ottiene attraverso incisioni nell’ascella”.

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "“Farmaci sempre più mirati per cancro tiroide”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


diciotto − 4 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.