NUOVI FONDI IN ARRIVO (FINO A 150MILA EURO) PER IL SETTORE MANIFATTURIERO


STANZIATI NUOVI FONDI PER LE PMI DEL MANIFATTURIERO E DELL’ARTIGIANATO DI SERVIZI
(REGIONE VENETO POR FESR 2014-2020, AZIONE 3.1.1 SUB A)

Stanziati 16 milioni di Euro dalla Regione Veneto per valorizzare i settori della produzione del sistema manifatturiero e dell’artigianato di servizi veneti, aumentandone la “cultura d’impresa”, per un duraturo rilancio di essi, promuovendo interventi di sviluppo d’impresa.

I beneficiari sono le MPMI dei settori manifatturiero e dell’artigianato di servizi, loro consorzi e cooperative con attività economica classificata con codice ISTAT ATECO 2007 primario e/o secondario nei settori indicati nell’Allegato C del bando (consultabile a fine pagina).

Le imprese devono:

  • Essere iscritte come ATTIVE al registro delle imprese da più di 12 mesi ALLA DATA DI APERTURA DEI TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA;
  • avere unità operativa in cui realizzano il progetto imprenditoriale in Veneto;
  • non essere beneficiarie di altre agevolazioni previste nell’ambito dell’Azione 3.1.1 del POR FESR Veneto 2014-2020 (cioè non devono aver ricevuto il contributo previsto per il precedente bando della stessa azione)
  • non essere start-up innovativa;
  • dimostrare di avere la avere capacità amministrativa, operativa e finanziaria per realizzare il progetto
  • osservare le norme dell’ordinamento giuridico italiano in materia previdenziale, assistenziale e assicurativa

Benefici previsti: contributo a fondo perduto pari al 30% della spesa ammessa con i seguenti limiti:

 – SPESA MINIMA € 60.000 (contributo max € 18.000)

– CONTRIBUTO MASSIMO € 150.000

Le agevolazioni sono concesse ai sensi e nei limiti del Regolamento “de minimis”

Interventi ammissibili:

Sono ammissibili i progetti volti :

  • a introdurre innovazioni tecnologiche di prodotto e di processo
  • ad ammodernare i macchinari e gli impianti
  • ad accompagnare i processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale anche attraverso lo sviluppo di business digitali.

Spese ammissibili:

Sono ammissibili le spese relative all’ACQUISTO, o l’acquisizione nel caso di operazioni di leasing finanziario, di beni tangibili, di beni intangibili e per il sostegno all’accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale che rientrano nelle seguenti voci:

a. macchinari, impianti produttivi, hardware e attrezzature tecnologiche per la fabbricazione digitale e che siano nuovi di fabbrica e relative spese di trasporto e installazione (anche spese di impiantistica strettamente funzionali) presso l’unità operativa in cui si realizza il progetto.

Sono ammesse anche le spese relative al software di base, indispensabile al funzionamento dei suddetti macchinari, impianti o attrezzature;

b. programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa, brevetti e know-how concernenti nuove tecnologie di prodotti, processi produttivi e servizi forniti, funzionali alla realizzazione del progetto proposto. Tali spese sono ammesse nel limite massimo del 50% delle spese di cui al punto a) ed entro il limite massimo di euro 100.000,00

c. consulenze specialistiche relativamente a:

  • c1.servizi a supporto di logistica, marketing, contrattualistica, pagamenti, gestione interna ed esterna (clienti, fornitori, progettisti, rivenditori, ecc.), gestione degli acquisti e dei rapporti con i fornitori da parte dell’impresa (e-procurement nella forma del Business to Business – B2B);
  • c2.implementazione di percorsi di eco-innovazione e percorsi di eco-design, limitatamente alle analisi dei prodotti, dei processi e dei servizi offerti dal punto di vista delle caratteristiche ambientali (Valutazione del ciclo di vita – LCA), dei costi, delle funzioni, della qualità e per introdurre soluzioni innovative “verdi” con il supporto delle tecniche di eco-progettazione;
  • c3.servizi di consulenza tecnologica, manageriale e strategica mirati a specifici progetti unitari di sviluppo aziendale che prevedono la figura del Temporary Manager e/o del Manager di rete.

Tali spese (una sola consulenza per tipologia) sono ammesse nel limite massimo del 20% delle spese di cui alla lettera a) e ciascuna spesa di consulenza è ammessa entro il limite massimo di euro 5.000,00 (cinquemila/00).

d. spese per il rilascio, da parte di organismi accreditati da Accredia o da corrispondenti soggetti esteri per la specifica norma da certificare, delle certificazioni di sistemi di gestione e processi di valutazione (life-cycle-assessment) in conformità alle norme UNI EN ISO 14001:2004 e/o del Sistema di Gestione Ambientale secondo il Regolamento EMAS III, UNI ISO 14040:2006 e UNI ISO 14044:2006

e. Premi versati per garanzie fornite da banche o società di assicurazioni per la richiesta di fideiussione per l’anticipo previsto da bando.

I beni e i servizi devono essere acquistati, o acquisiti nel caso di operazioni di leasing finanziario, da terzi che non hanno relazioni con l’acquirente.

Sono escluse le spese riferite a investimenti di semplice sostituzione di macchinari, impianti produttivi, hardware e attrezzature tecnologiche per la fabbricazione digitale della stessa tipologia già esistenti e utilizzati nel ciclo produttivo.

I beni acquistati devono essere ammortizzabili e utilizzati esclusivamente nella unità operativa sede del progetto.

PRESENTAZIONE DOMANDE:

Sportello A “Industria 4.0” (DISPONIBILI 8 MILIONI)

Interventi che prevedono spese ammissibili per l’acquisto di macchinari, impianti produttivi, hardware e attrezzature tecnologiche per la fabbricazione digitale rispondenti al modello c.d. “Industria 4.0”: dalle ore 10.00 di martedì 9 luglio 2019 fino alle ore 17.00 di martedì 16 luglio 2019.

Sportello B NON industria 4.0 (DISPONIBILI 8 MILIONI)

Interventi che NON prevedono spese ammissibili per l’acquisto di macchinari, impianti produttivi, hardware e attrezzature tecnologiche per la fabbricazione digitale rispondenti al modello c.d. “Industria 4.0”: dalle ore 10.00 di giovedì 18 luglio 2019 fino alle ore 17.00 di giovedì 25 luglio 2019.

Tempistiche realizzazione progetti: spese ammesse a partire dal 9 luglio 2019 e fino al 4 maggio 2021

RENDICONTAZIONE PROGETTI APPROVATI: ENTRO IL 18 MAGGIO 2021

ATTENZIONE! Le domande saranno valutate con procedimento a sportello, cioè nell’ordine cronologico con il quale sono state presentate!

Affrettati e contatta gli Uffici Ascom per una prevalutazione.

Per contatti : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tel : 049 8209791/791

SINTESI BANDO  
CODICI ATECO AMMESSI

Padova 12 giugno 2019

(Ascom Padova)