Addio a Nanni Balestrini, militante della neoavanguardia

Roma, 20 mag. – (AdnKronos) – Addio a Nanni Balestrini, che negli anni Sessanta e’ stato tra i principali animatori della stagione della neoavanguardia e precursore del Gruppo 63, con l’ideazione di “I Novissimi”. Aveva 83 anni ed e’ morto ieri sera all’ospedale San Giovanni Addolorata di Roma dopo una breve malattia. Poeta, scrittore, artista e saggista era nato a Milano il 2 luglio 1935.

“E’ con tristezza e dolore che informiamo della scomparsa di Nanni Balestrini. Una scomparsa, non solo per noi, incolmabile”, ha annunciato sulla sua pagina Facebook la casa editrice DeriveApprodi che sta procedendo all’edizione completa delle sue opere. Balestrini ha contribuito alla nascita di riviste ‘militanti quali “Il Verri”, “Quindici”, “Alfabeta” e “Zooom”.

Balestrini e’ autore di numerose raccolte di poesia e di romanzi di successo: da un lato i versi sperimentali, dall’altro i romanzi politici impegnati sulle lotte degli anni sessanta e sugli anni di piombo. Tra questi ultimi spicca “Vogliamo tutto” (Feltrinelli, 1971), libro-manifesto di un’epoca. Fortemente ispirato ai fatti del cosiddetto “Autunno caldo” del 1969, “Vogliamo tutto” e’ un romanzo insieme cronachistico ed esistenziale. Il protagonista, “l’operaio-massa” nella definizione stessa del suo autore, e’ un uomo del Meridione che si trasferisce, come tantissimi in quegli anni, al Nord in cerca di lavoro e, dopo varie vicissitudini, viene assunto alla Fiat, una sorta di Terra promessa della classe operaia.

Si rendera’ conto, tuttavia, che la realta’ e’ ben diversa e partecipera’ alle lotte operaie formandosi una coscienza politica piu’ consapevole e precisa. Romanzo sperimentale, che per quanto legato a un determinato periodo storico non risulta “invecchiato”, tanto da avere una fortuna editoriale legata a numerose ristampe (Garzanti, 1974; Mondadori, 1988; Bompiani, 1999; Derive Approdi, 2004; Oscar scrittori moderni, 2013; Mondadori, 2015).”Vogliamo tutto” rimane a tutt’oggi un testo letterario che e’ riuscito a dare voce alle istanze del Sessantotto e dintorni.

Distintosi per uno sperimentalismo spinto fino all’adozione di tecniche sempre riconducibili al collage e a una diffusa intuizione circa l’incidenza del caso sul fare poetico, con lo stesso spirito Balestrini e’ stato animatore culturale, curatore di antologie, portavoce del dissenso politico.

A seguito dell’ondata di arresti ordinati dal sostituto procuratore di Padova Pietro Calogero il 7 aprile 1979 per quelli che erano considerati i presunti capi delle organizzazioni sovversive, soprattutto di Potere Operaio (tra gli altri Toni Negri, Franco Piperno, Oreste Scalzone), Balestrini evito’ il carcere rifugiandosi in Francia. Balestrini ha raccontato in un’intervista nel 2012: “Evitai l’arresto rifugiandomi in Francia, dove rimasi per cinque anni. E poi venni completamente assolto da quelle accuse. A me, come per altri intellettuali, l’accusa fu di essere responsabile diretto di tutto quello che di violento si era scatenato fino a quel momento e comprendeva anche l’assassinio di Aldo Moro. La verita’ e’ che la sola cosa che trovarono era il mio nome nell’agenda telefonica di Toni Negri, di cui ero amico” .

Nei suoi romanzi (“Tristano”, 1966; “Vogliamo tutto”, 1971; “La violenza illustrata”, 1976; “Gli invisibili”, 1987; “L’editore”, 1989; “Una mattina ci siamo svegliati”, 1995) e nella sua poesia (“Come si agisce”, 1963; “Ma noi facciamone un’altra”, 1968; “Le ballate della signorina Richmond”, 1977; “Il ritorno della signorina Richmond”, 1987; “Osservazioni sul volo degli uccelli, poesie 1954-56”, 1988; “Il pubblico del labirinto”, 1992; “Elettra”, 2001), Balestrini ha messo a punto contaminazione di sperimentalismo letterario e di estremismo politico, che tuttavia si caratterizza per la coerenza teorica.

Balestrini e’ anche l’autore del saggio “L’orda d’oro (1968-1977. La grande ondata rivoluzionaria e creativa, politica ed esistenziale)”, scritto in collaborazione con Primo Moroni (Sugarco, 1988), ristampato successivamente da Feltrinelli e ampliato a cura di Sergio Bianchi, con contributi, tra gli altri, di Umberto Eco, Toni Negri e Rossana Rossanda. E’ stato per molti anni l’unico saggio sul movimento del ’77 (e uno dei pochi sul movimento del ’68) disponibile al pubblico non specialistico, e corredato di ampia documentazione e bibliografia. Nel 1971, ricordano le cronache, Balestrini fu tra gli intellettuali che sottoscrisse la lettera aperta a L’Espresso contro il commissario Luigi Calabresi per la morte di Pino Pinelli, fermato per la strage di piazza Fontana.

Promotore culturale d’avanguardia, con altri intellettuali Balestrini ha creato le riviste di cultura “Il Verri” (collaborando con Luciano Anceschi), “Quindici” (tra le riviste ufficiali del Gruppo 63 con Alfredo Giuliani come direttore responsabile, sostituito poi dallo stesso Balestrini che era gia’ il direttore editoriale) e “Alfabeta” (1979-1988 con, tra gli altri, Maria Corti, Antonio Porta, Umberto Eco, Pier Aldo Rovatti, Paolo Volponi). All’opera letteraria ha affiancato la sua produzione visiva con allestimenti di mostre e performances in Italia (nel 1993 anche alla Biennale di Venezia) e all’estero.

(Adnkronos)