Ortaggi confezionati si vendono di piu’ nel Nord ovest


Roma, 9 mag. (AdnKronos) – La zona in cui si concentrano maggiormente le vendite di ortaggi IV gamma (in busta, pronti all’uso) in Italia e’ il Nord-ovest (37%), a seguire il Centro e la Sardegna (26%), il Nord-est (22%) e Sud e Sicilia (15%). Lo rileva l’Ismea nel report sui consumi alimentari delle famiglie italiane basato su dati Nielsen.

Nel 2018, comunque, le aree piu’ dinamiche risultano il Nord Est e il Centro Italia, mentre nel primo trimestre 2019, gli incrementi piu’ rilevanti delle vendite di ortaggi IV gamma si sono confermati nel Centro Italia e Sardegna (+9,2% in volume e +7,8% in valore) insieme all’area Sud e Sicilia (+29,5% in volume e +14,7% in valore).

Il maggiore orientamento verso le verdure pronte al consumo nel primo trimestre del 2019 in questi territori deriva dalla carenza di prodotto sfuso, soprattutto di insalate, nei due principali bacini produttivi nazionali, Campania e Lazio. Le ondate di gelo di inizio anno hanno portato le temperature a livelli inferiori di 8-10 gradi rispetto alle medie stagionali, determinando spesso la danni alle coltivazioni.

Passando all’analisi delle vendite per singolo canale, i supermercati si confermano la principale fonte di approvvigionamento degli ortaggi IV gamma delle famiglie italiane, assorbendo il 45% del valore delle vendite del segmento, seguiti dagli ipermercati (26%), dai discount (15%), dai liberi servizi (14%). Sia nel 2018, che nei primi tre mesi del 2019 il canale piu’ dinamico si e’ dimostrato quello dei discount (+12,1% e +29,6% in volume e +8,4% e +17,2% in valore).

(Adnkronos)