Italian Export Forum per lo sviluppo del made in Italy

Roma, 9 mag. (Adnkronos/Labitalia) – Una sintesi tra un ‘ecosistema’ di concezione inedita ed un think-tank, composto da un grande evento annuale, un osservatorio permanente ed una piattaforma web di scambio virtuale, il tutto destinato a sviluppare analisi, confronti, discussioni dedicate specificamente all’export Made in Italy e ai suoi attori principali, per colmare un vuoto oggi esistente e dare la giusta attenzione ad un settore che nel 2018 ha mosso in Italia circa 463 miliardi di euro. E’ lo Ief, Italian Export Forum, il primo forum specificamente pensato per riunire il mondo dell’export italiano che si terra’ il 14 e 15 giugno a Piano di Sorrento (Napoli) con Sace Simest (Gruppo Cdp) in qualita’ di main partner tecnico ed il supporto di Ispi –Istituto per gli studi di politica internazionale, Deloitte, Edelman e con la Lega del Filo d’Oro come Charity partner.

Al forum potranno iscriversi gratuitamente aziende interessate a migliorare la loro proiezione all’estero o quelle che intendono affacciarsi sui mercati internazionali. Punto di forza del progetto e’ la partecipazione di importanti aziende ed istituzioni sia italiane che estere tra le quali ministero delle Politiche agricole, Confindustria, Agenzia Dogane, Ispettorato Frodi agroalimentari, Dubai Economic Council, Ambasciata d’Italia in Qatar tutte con grande esperienza sui mercati internazionali e con le quali sara’ possibile interagire nell’ambito di workshop tematici e di incontri one-to-one dedicati ai settori di punta del made in Italy come l’enogastronomia, la moda, i macchinari, i mobili.

Oltre alle sessioni plenarie, lo Ief prevedera’ tavole rotonde e focus di approfondimento sui principali temi che caratterizzano la promozione del made in Italy all’estero e le criticita’ affrontate dalle aziende esportatrici.Il forum consegnera’ anche un premio Eccellenza Export Italia e non mancheranno momenti conviviali come il gran gala delle Eccellenze.

L’iniziativa e’ stata illustrata oggi a Roma alla John Cabot University alla presenza del presidente dell’ateneo Franco Pavoncello, di Vincenzo De Luca (ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, direttore generale per la promozione del sistema Paese), di Alessandro Decio (amministratore delegato e direttore generale di Sace), Lorenzo Zurino (presidente Ief, fondatore e amministratore delegato The one company) Mario Gasbarrino (presidente e amministratore delegato Unes/U2 supermercati), Ernesto Lanzillo (Deloitte private leader Italia), Rossano Bartoli (presidente Lega del Filo d’Oro), Fiorella Passoni (amministratore delegato Edelman Italia).

L’Italian Export Forum nasce da un’idea e dall’esperienza di Lorenzo Zurino, imprenditore specializzato nella distribuzione di prodotti alimentari made in Italy negli Usa, ed e’ concepito con l’obiettivo di offrire un reale valore aggiunto alle aziende partecipanti non solo grazie all’evento ma anche attraverso l’Osservatorio permanente che fungera’ da raccordo stabile tra imprese, istituzioni, associazioni sui temi dell’export.

Obiettivo del forum e’ la costituzione di una grande alleanza finalizzata a dare alla promozione del made in Italy l’attenzione che merita da parte dei decisori e dell’opinione pubblica del paese ed un contributo qualitativamente elevato in termini di analisi e soluzioni concrete alle aziende che esportano e a quelle che intendono farlo.

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Italian Export Forum per lo sviluppo del made in Italy"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


cinque × due =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.