“Troppo odio in giro, serve rinascita”, il post di Jovanotti

Musica

Roma, 24 apr. (AdnKronos) – “C’e’ troppo odio in giro, bisogna mettere in circolo belle sensazioni, senso di rinascita, meraviglia e collaborazione”. Jovanotti in un lungo intervento su Facebook torna a parlare del Jova Beach, lo speciale tour estivo che tocchera’ le spiagge piu’ famose d’Italia. E il post diventa un’occasione per una riflessione sulla musica, la natura e l’ambiente, la societa’, la vita. “Sebbene il tempo in cui stiamo vivendo sia affollato di risentimento, scoppi di rabbia spettacolarizzati, strumentalizzazioni, bugie, generalizzazioni, furbate, inganni, cacciatori di click, pulsioni a mortificare ogni slancio vitale – aveva gia’ postato il giorno di Pasqua – per me e’ prezioso ripetere e dimostrare che le cose si possono fare”. E il Jova Beach e’ proprio una di queste.

“L’estate si avvicina!!!! Quante meraviglie in arrivo! – scrive l’artista – Jova Beach e’ un’idea che ha preso forma guardando le persone ai miei concerti in una vita di live. Chi c’e’ stato anche solo una volta puo’ capire cosa intendo. C’e’ un’atmosfera speciale. Negli anni passando dalla consolle dei locali agli stadi attraverso tutti i luoghi possibili si e’ sviluppata una lingua fatta di canzoni, di sorprese, di aspettative, invenzioni, ritrovi, parole chiave, segnali. Scegliere un luogo dove suonare puo’ essere parte del viaggio da fare insieme, una parte molto bella. La spiaggia era il desiderio piu’ grande, come se ogni passo fatto, ogni nota suonata ogni passo di danza portasse li'”.

“Ogni luogo ha un’anima – sottolinea il musicista – i latini lo chiamavano ‘genius loci’, e’ lo spirito che abita il posto e interagisce con quello che accade. Fare una festa in spiaggia vuol dire evocare molti di quelli che i brasiliani (non solo loro, alla fine si danno nomi diversi a storie simili) chiamano ‘Santos’ oppure ‘orixas’, che sono incarnazioni delle forme del mondo: il mare, la terra, il fuoco, la notte, la via, il ritmo, il sesso, il mistero, l’amore, l’ordine, il caos, la lotta, la pace, la bellezza, la forza, l’intelligenza, l’ebbrezza, il tempo, la ragione, il desiderio, tutti gli archetipi fondamentali. Che poi e’ quello che fa la musica, anche se non ci pensiamo lei lo fa, per questo nonostante cambino i metodi di distribuzione delle canzoni il live continua ad attrarre gli umani, e’ insostituibile e soprattutto e’ una frontiera tutta da esplorare. Da sempre gli artisti e il pubblico vanno alla ricerca di luoghi speciali dove incontrarsi, un po’ come si fa nelle storie d’amore”.

Jova ancora una volta va in profondita’. “La spiaggia. La riva del mare e’ uno scenario interiore, e’ anche la riva di noi stessi, il punto in cui il mare accarezza la terra con il suo ritmo. La spiaggia e’ un luogo mitico, in spiaggia siamo una versione piu’ essenziale e nuda di noi stessi ma anche piu’ libera, sensuale e magica, in un rapporto intimo con gli elementi, si sospendono le ostilita’, si rivolge lo sguardo verso l’orizzonte. La spiaggia e’ il piu’ grande effetto speciale che possiamo desiderare per aumentare l’intensita’ che la musica riesce a creare quando passa attraverso i corpi riuniti in un luogo reale, con i sensi spalancati. Per questo Jova Beach sara’ piu’ di un concerto e piu’ di un festival, anzi non direi ‘piu”, non e’ una mica una gara, ma sara’ oltre, sara’ diverso, sara’ una festa nel senso piu’ avanzato e piu’ antico, sara’ quello che vivremo insieme”.

“Per connetterci – sottolinea – con un livello nuovo e dimenticato di esperienza fatta di vitalita’, legame con l’energia dell’universo ma senza pensarci troppo, godendoci la musica, la sabbia, vento, sale, suono, luce, piedi a contatto con la terra, frequenze basse che arrivano fino a dentro le ossa e le fanno vibrare, estasi, entusiasmo, passione, piacere e scoperta di se’. Acqua, fuoco, elettricita’, come dice la canzone. Hanno fotografato un buco nero, emozionante, noi fotograferemo una stella che nasce, che ve ne pare?”.

“Jova Beach Party e’ una cosa diversa dal solito e le cose nuove vanno pensate evitando i pensieri gia’ pensati – e’ la sua riflessione – Si puo’ essere nuovi tutti i giorni, non e’ una questione di eta’, io in certi giorni mi sento da buttare ma ci sono quei giorni in cui spacco, me ne accorgo e me li godo e cerco di capire cosa accade in quei momenti, e non dipende dal lavoro che si fa, e’ una pratica che ha a che fare con qualcosa di piu’ profondo, e la musica mi aiuta sempre, da sempre. Siamo animali romantici, ancora prima di essere ‘sociali’, ci piace sognare e trascendere la realta’. Vivere ogni attimo nel presente che si muove, non nel presente che sta fermo, perche’ l’attimo non sta fermo mai nemmeno se lo costringi. C’e’ troppo odio in giro, bisogna mettere in circolo belle sensazioni, senso di rinascita, meraviglia e collaborazione. Vorrei che fosse un’esperienza bella e straordinaria, ovvero oltre l’ordinario. Per me e’ gia’ straordinario nella sua progettazione e messa a punto e quando ci ritroveremo tutti insieme li’… se ci penso gia’ ballo”.

“Ogni giorno mi confronto con passi in avanti e forze che frenano e mi insegnano che l’entusiasmo e’ un tipo di energia che ha bisogno di confrontarsi con cio’ che e’ possibile, in una specie di danza della realta’, con gli strumenti che abbiamo oggi, e realizzare una sintesi vera, senza saltare la fila ma un passo alla volta, come nella musica, che non a caso e’ fatta di tempo e di scale. Nutrire il coraggio attraverso lo stupore e la meraviglia ma anche attraverso le difficolta’ che uno incontra – conclude nel post Jovanotti – Non solo lasceremo la spiaggia piu’ pulita di come l’avremo trovata, questo e’ il minimo, l’obiettivo e’ andare via da quella spiaggia piu’ vivi di quando ci siamo arrivati, e’ questa la vera sfida, che apre le porte della percezione”.

(Adnkronos)