Salvini: ’90mila irregolari’. M5S: ‘Ma non erano 500mila?’

Migranti

I pentastellati: “Non capiamo il senso di dover smentire cio’ che e’ riportato nel contratto di governo”

Roma, 24 apr. (AdnKronos) – Caso Siri, ‘Salva Roma’ e anche i migranti nell’aspro confronto in atto tra Lega e M5S. Sorprende i pentastellati il dato sugli irregolari fornito oggi dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “Dal combinato dei dati degli ultimi 4 anni e mezzo emerge che in Italia si ha una clandestinita’ di 90mila soggetti massimo essendo pessimisti” ha detto il vicepremier al termine della riunione su sicurezza, terrorismo, estremismo islamico e immigrazione, che si e’ tenuta al Viminale. “Il numero di irregolari che si stima siano presenti sul nostro territorio e’ molto piu’ basso anche rispetto a quanto potessi presumere”, ha aggiunto Salvini.

A stretto giro fonti M5S hanno sottolineato: “Sorprendono le parole del ministro dell’Interno sui 90mila irregolari in Italia, visto che fu proprio lui a scrivere nel contratto di governo il numero di 500mila irregolari. Che tra l’altro e’ il numero reale, confermato da molte organizzazioni. Non capiamo il senso di dover anche smentire cio’ che e’ riportato nel contratto di governo, forse perche’ sui rimpatri non e’ ancora stato fatto nulla? – . Nel contratto, hanno citato le stesse fonti, si legge: “Ad oggi sarebbero circa 500mila i migranti presenti sul nostro territorio e pertanto una seria politica dei rimpatri risulta indifferibile e prioritaria”.

(Adnkronos)