Fico a Napoli: “Lo Stato deve presidiare”

Il presidente della Camera al Rione Villa: “Dobbiamo portare via i ragazzi da un destino che a volte e’ segnato”

Napoli, 15 apr. (AdnKronos) – “Sappiamo che nella nostra citta’ accadono queste cose terribili, pero’ dobbiamo provare a invertire la rotta totalmente”. Lo ha detto Roberto Fico, presidente della Camera dei Deputati, parlando con la preside della scuola del Rione Villa, quartiere San Giovanni a Napoli, a poca distanza dalla quale lo scorso 9 aprile e’ avvenuto un agguato nel quale un 57enne e’ stato ucciso davanti al nipotino. “Qui non serve qualcosa di emergenziale – ha spiegato Fico rivolgendosi alla dirigente scolastica – serve una programmazione che sia stabile e costante. Voi fate un lavoro eccezionale, ma dobbiamo essere tutti insieme come Stato a sviluppare un lavoro ancora piu’ forte, per esservi vicino, per comprendere come possiamo agire sempre meglio”.

“Ci vuole la presenza dello Stato – ha sottolineato – non e’ possibile che ci siano poche o zero volanti, serve che ci siano i vigili urbani, la polizia e i carabinieri. La zona deve essere presidiata e presidio non significa militarizzazione”. “Bisogna presidiare – ha ribadito Fico – e militarizzare tutto il resto, assistenti sociali, cultura, istruzione, formazione, educazione, sport e piazze sociali”.

“Dobbiamo portare via i ragazzi da un destino che a volte e’ segnato – ha scandito ancora il presidente della Camera – La grande sfida dello Stato deve essere che nessun ragazzo abbia il destino segnato”. “Dobbiamo dare opportunita’ di chance nuove – ha aggiunto – tramite la scuola e un patto sociale forte tutti noi possiamo farlo. E’ finito il periodo dell’emergenza, deve iniziare il periodo della programmazione. Lo deve fare il Parlamento, devono farlo le Commissioni e i Ministeri insieme. Si devono fare cose nell’immediato, perche’ devono arrivare piu’ polizia, vigili e carabinieri ma al contempo dobbiamo riuscire a programmare”.

(Adnkronos)