Mobilita’, Andi (Hitachi): ‘Con crescita citta’ serve piu’ efficienza trasporto pubblico’


(Milano, 13 apr. – AdnKronos) – “I livelli di urbanizzazione tenderanno a crescere in tutte le citta’ del mondo, e la necessita’ di avvicinarsi ai centri urbani senza riempirli di auto o perdere tempo in coda puo’ migliorare la qualita’ della vita dei cittadini e ridurre l’inquinamento ambientale. Su questo Hitachi Rail Sts puo’ essere protagonista, in uno scenario futuro, nella gestione intermodale dei sistemi di trasporto per garantire efficienza in situazioni di emergenza, di congestione o di disastro, con metodologie dirette a reindirizzare i flussi di trasporto – . Cosi’ Christian Andi, Hitachi Rail Sts Business Unit President, e’ intervenuto nel corso del format BluE, appuntamento dedicato alla mobilita’ del futuro che si tiene fino a domenica a Milano.

‘Attraverso lo sviluppo di tecnologie digitali – ha aggiunto Andi – che sono in grado di imparare autonomamente dall’esperienza , e quindi di gestire in maniera dinamica e autonoma le decisioni, si puo’ per esempio regolare la cadenza dei treni e la quantita’ di quelli metropolitani in base alla congestione delle stazioni, inserendo o togliendo vetture dalla circolazione, con conseguente risparmio energetico”.

‘La mobilita’ del futuro dev’essere per definizione sostenibile e pubblica – ha sottolineato Christian Andi- e per pubblica intendo volta a ridurre il numero di mezzi individuali. I mezzi che oggi gestiamo sono per il 90% elettrici e quindi meno inquinanti, ed e’ per questo che ci definiamo sostenibili. –

‘Tuttavia non e’ ancora sufficiente – ha proseguito Andi – poiche’ per essere proiettati nel futuro occorre ad esempio ridurre il consumo energetico. Quando circolano in numero elevato, i mezzi di trasporto sostenibili – si pensi alla metropolitana – necessitano di sistemi di razionalizzazione dei consumi. Inoltre, per quanto riguarda gli autobus elettrici, occorre rendere piu’ efficiente la ricarica delle batterie, in modo che il loro smaltimento avvenga il piu’ tardi possibile. Hitachi lavora ogni giorno per mettere a disposizione tutte queste tecnologie volte a rendere piu’ intelligente e sostenibile il trasporto pubblico. –

‘L’obiettivo di Hitachi Rail STS e’ appunto quello di creare, insieme alle municipalita’, sistemi che permettano di analizzare le situazioni di traffico intermodale – ha poi precisato Christian Andi- in un contesto in cui i veicoli sono tutti connessi (autobus, metro, treni, tram, auto, bici, monopattini elettrici) e’ possibile gestire il traffico e regolare in tempo reale la logistica dei flussi, passando da un mezzo di trasporto all’altro in maniera dinamica. A breve termine e’ questa l’ambizione di Hitachi, in alcuni casi stiamo gia’ collaborando con municipalita’, operatori ferroviari o metropolitani”.

“Lo scenario – ha aggiunto Andi – comprende anche semafori intelligenti, informazioni al pubblico sulle diverse modalita’ di trasporto, sistemi di pagamento integrati, basati su account e non su biglietti cartacei, per gestire in maniera piu’ flessibile il mezzo da prendere per arrivare a destinazione – .

‘Sostenere il miglioramento della vita delle persone grazie a una continua innovazione tecnologica spiega Andi- e’ al centro delle nostre priorita’, e in ambito trasporto pubblico il dialogo con la municipalita’ milanese persegue questo interesse generale”.

“Penso che Milano sia la prima citta’ a decidere di eliminare la flotta di autobus diesel, scelta che indica l’alto livello di innovazione nel trasporto pubblico – ha concluso Andi – i passi da percorrere verso la vera efficienza sono ancora molti, ma credo che Milano abbia gia’ diversi punti di forza: tra questi, la metropolitana driverless Linea 5 e’ una delle piu’ avanzate, con un livello di tecnologia che permette di sviluppare ulteriori elementi di innovazione al fine di aumentare l’efficienza del traffico. L’obiettivo di ridurre il numero di auto pro capite e’ chiaramente definito dalla municipalita’, che sta cercando di perseguirlo attivamente. Per Hitachi, la partnership con Milano e’ molto positiva ed e’ una solida base da cui partire per raggiungere risultati avanzati. –

(Adnkronos)