Non e’ un paese per imprenditrici

(Milano, 7 marzo 2019) – Italia fanalino di coda del “gender gap”: solo due imprenditori su dieci sono donne.

Milano, 7 Marzo 2019 – Mentre si avvicina la giornata nella quale anche nel nostro Paese riflette sulla condizione femminile l’ennesimo studio relega l’Italia in coda alle classifiche europee sullo sviluppo.

Il dato e’ quello relativo al cosiddetto “gender gap”, il divario di genere, che vede il Bel Paese fanalino di coda anche nell’importante ambito dell’imprenditoria femminile.

Secondo una ricerca condotta dal centro studi di Intraprendere.net, primo portale italiano espressamente dedicato all’imprenditoria e al business, solo 2 imprese su 10 sono condotte da donne.

Il dato e’ ripreso da uno studio condotto da GEM, Global Entrepreneurship Monitor, nel suo 19 “Rapporto globale sull’imprenditoria”.

L’associazione mette a confronto oltre 70 Paesi su un indice definito “TEA”, ovvero il tasso di attivazione imprenditoriale. Nonostante l’Italia sia considerato un Paese “dalla grande vivacita’ imprenditoriale”, l’indice di attivazione imprenditoriale e’ uno dei piu’ bassi d’Europa: il 6% per gli uomini e appena il 2,5% per le donne.

Il divario fra uomini e donne nell’imprenditoria italiana

Intraprendere.net ha messo in relazione questo studio con i numeri del mercato nazionale, sia di imprese sia di partite Iva, che sovente risultano essere il primo passo per intraprendere un’attivita’ imprenditoriale. Cio’ che e’ emerso e’ un forte divario fra uomini e donne: poco meno del 22 % delle imprese e’ a conduzione femminile. I numeri sono leggermente piu’ promettenti per la libera professione dove la % delle Partite Iva aperte da donne si attesta circa all’38%.

Le motivazioni sono da ricercare nei fattori culturali

Le motivazioni sembrano essere legate a fattori culturali molto radicati nel nostro territorio che portano le donne ad avere maggiore paura di fallire (55% rispetto al 47 degli uomini) e a sentirsi meno adeguate all’attivita’ imprenditoriale (solo il 24% delle donne si ritiene adeguata rispetto al 37% degli uomini).

Lo studio e’ stato pubblicato qui, con i dettagli dei dati per ogni regione, mentre e’ possibile scaricare l’infografica cliccando qui.

Intraprendere.net, che si pone da sempre l’obiettivo di aiutare gli imprenditori e gli aspiranti tali, da oggi inaugura una sezione dedicata all’impresa femminile con contenuti ispirazionali con interviste e biografie, ma anche guide pratiche che toccano temi importanti dalla gravidanza ai finanziamenti, dalle idee di business alle agevolazioni.

Per maggiori informazioni: https://intraprendere.net/

(Immediapress – Adnkronos
Immediapress e’ un servizio di diffusione di comunicati stampa in testo originale redatto direttamente dall’ente che lo emette. Padovanews non e’ responsabile per i contenuti dei comunicati trasmessi.)