“Like a campagne d’odio sui social? Devi confessarti”

La presa di posizione del vescovo Spreafico in occasione della Quaresima

Roma, 7 mar. (AdnKronos) – I ‘like’ alle campagne di odio sui social? Sono un vero e proprio peccato da confessare al sacerdote in confessionale. Nell’era dei social anche la Chiesa interviene per arginare le campagne di odio e insulto che corrono sul web in maniera incontrollata. E cosi’ mons. Ambrogio Spreafico, vescovo di Frosinone-Veroli, in tempo di Quaresima ha lanciato il suo specialissimo appello ai cristiani.

“Capiamo l’invito del Vangelo a non fare le cose per essere ammirati, apprezzati e riconosciuti dagli altri. Non e’ detto che tutto cio’ che e’ condiviso e apprezzato sia sempre il bene. Basta vedere quanto facilmente si condividono sui social giudizi e parole sprezzanti, insulti, cattiverie”, ha detto Spreafico. Ebbene, ha osservato il presule nella celebrazione per il quaresimale delle Ceneri, “quel ‘mi piace’ a un insulto o a una cattiveria, per noi cristiani e’ un peccato che va riconosciuto e confessato. Elemosina, preghiera e digiuno sono le scelte che ci accompagneranno in questo tempo per condividere il bene e non il male, la bonta’ e non la cattiveria, per vivere nell’umilta’ e non nella prepotenza dei gesti e delle parole”.

(Adnkronos)

Be the first to comment on "“Like a campagne d’odio sui social? Devi confessarti”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


cinque × 1 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.