Italiane make-up addicted


Milano, 26 feb. (AdnKronos) – Sono sempre di piu’ le italiane appassionate di bellezza: 9 su 10 utilizzano prodotti di make-up e le piu’ giovani spendono fino a 200 euro l’anno per avere un beauty case con i trucchi piu’ nuovi e piu’ glam. E’ quanto emerge dal quarto ‘osservatorio beauty- studi e tendenze nell’ambito della cosmetica’, realizzato da L’Ore’al Italia.

La fotografia, scattata in collaborazione con il dipartimento consumer & market insight di L’Ore’al Italia, delinea un mondo in cui la cura di se’ e la bellezza rappresentano un elemento di gratificazione per le donne e il make-up lo e’ piu’ di qualsiasi altro prodotto dell’universo beauty. Se si guarda al contesto europeo, l’Italia si distingue per un utilizzo decisamente piu’ massiccio e sofisticato: ben 9 donne su 10 si truccano. Ad utilizzare il rossetto sono il 68% delle italiane contro il 63% della media europea, il 59% utilizza il fondotinta contro il 52% della media europea e lo stesso vale per il mascara, utilizzato dal 66% delle italiane verso il 64% delle europee.

Tra le italiane, sono sicuramente le millennials le piu’ appassionate di make-up, che in un anno acquistano circa 25 prodotti per il trucco, spendendo oltre 200 euro. Mostrano inoltre una vera passione per il trucco delle labbra e nei loro beauty case troviamo una grandissima varieta’ di marche, dalle piu’ economiche alle piu’ costose. Molto forte anche la dimensione sociale della bellezza, che trova la sua piena espressione nel trucco: il 37% ha dichiarato di non uscire di casa se non con un aspetto perfetto (rispetto al 29% della media europea).

Per le italiane, inoltre, la cura di se’ rappresenta un dovere piu’ che una scelta: lo dichiara il 43% verso il 32% della media europea. Il make-up e’ considerato una categoria di prodotto indispensabile, che rimanda agli universi simbolici della femminilita’ e della seduzione, oltre ad essere un modo per esprimere la propria personalita’, esaltando i propri punti di forza e nascondendo i propri difetti. Il 95% delle donne afferma che “ama acquistare prodotti di make-up” e l’84% e’ concorde nel dire che “comprare prodotti di make-up le fa sentire giovani e attraenti”. Ed e’ una categoria di prodotti in grado di stimolare il senso di appartenenza: non a caso le consumatrici piu’ appassionate parlano online di “dipendenza” dall’acquisto di prodotti per il trucco e sfoggiano vere e proprie collezioni.

Questo atteggiamento nei confronti del make-up puo’ tuttavia essere vissuto con differenti intensita’ e assumere differenti significati: puo’ diventare un modo per sentirsi al meglio di se’ evidenziando i propri punti di forza, senza stravolgere necessariamente il proprio aspetto, puo’ essere un modo per giocare con la propria immagine, interpretando di volta in volta una donna diversa, specie quando subentrano problematiche di pelle puo’ diventare uno scudo e aiutare le donne a sentirsi a proprio agio con il proprio aspetto, ancora, puo’ essere un modo per esercitare la propria femminilita’, per sentirsi e apparire seducente.

Negli anni la categoria del make up si e’ affermata come la piu’ dinamica di tutto il mondo beauty, tanto che la consumatrice si trova a dirimersi tra nuovi trend e molteplici innovazioni di prodotto. La consumatrice, infatti, ha visto di recente l’avvento di una moltitudine di nuovi prodotti, quali gli illuminanti, i primer e i fixer, che aiutano a migliorare la performance di durata del trucco, l’esplosione dei prodotti per la definizione delle sopracciglia, che la moda vuole sempre piu’ in primo piano, le Bb, Cc e Dd cream e molti altri. Il trend che si osserva vede un make up sempre piu’ tecnico e professionale, tanto che l’esplosione dei tutorial online ha aiutato la consumatrice a perfezionare le sue tecniche di trucco e acquisire manualita’.

Soprattutto nel conversato online, inoltre, si segnala da un lato un crescente interesse per prodotti di make up naturali e prodotti da aziende eticamente impegnate e attente alla sostenibilita’, dall’altro la ricerca di prodotti per il trucco in grado di unire alla componente puramente cosmetica dei benefici per la pelle.

Nonostante la crescita del mondo e-commerce, il 93% delle consumatrici preferisce ancora fare i propri acquisti di make up in punti vendita fisici. Acquistare un prodotto per il trucco e’ prima di tutto un’esperienza gratificante: il 96% delle donne afferma che “acquistare prodotti di make up e’ divertente”. Nei punti vendita le consumatrici possono trascorrere del tempo in maniera piacevole, provando prodotti e curiosando tra le ultime novita’ del settore. Tra le principali barriere all’acquisto online, il 52% cita il non poter provare il prodotto prima di acquistarlo e il 44% teme di non riuscire a capire qual e’ il reale colore dello stesso. La paura di una deprivazione sensoriale ha dunque un forte peso nello scegliere un negozio fisico piuttosto che un e-store. Resta inoltre cruciale il ruolo del personale sul punto vendita che puo’ dare un consiglio personalizzato, specialmente quando l’acquisto avviene in profumeria e in farmacia.

(Adnkronos)