Venezia: confartigianato, i veneziani si estinguono

Venezia, 15 feb. (AdnKronos) – Come si fa ad invertire il calo demografico in Centro Storico? Anche, e soprattutto, salvando l’artigianato. A dirlo e il rapporto statistico-economico “ARIFFARAFFA – Venezia, quel che resta del Centro storico e del suo Artigianato” realizzato dal Centro Studi Sintesi e Smart Land, che verra presentato stasera nell’Aula Magna dell’Ateneo Veneto in Campo San Fantin dalla Confartigianato Venezia San Lio nel corso di un convegno dal titolo emblematico: “Sappiamo dove va Venezia?”.

Lo studio – diventato anche un libro dal titolo “ARIFFARAFFA – Venezia, quel che resta del Centro storico e del suo Artigianato” edito da ‘La Toletta ‘- sottolinea come il rapporto serenissimo e simbiotico che esiste da sempre tra la produttivita e la residenzialita sia fondamentale per la sopravvivenza dei cittadini e dell’identita veneziana. Nel 1976 il Centro storico di Venezia contava 102 mila abitanti e 2.207 imprese artigiane, oggi con il crollo demografico degli abitanti se ne registrano meno di 54 mila mentre di artigiani ne sono rimasti 1.087: praticamente in poco piu di quarant’anni artigiani e residenti veneziani si sono a reciprocamente dimezzati”.

Parallelamente. In egual misura. Il risultato evidente di questo progressivo svuotamento e che oggi dalla citta storica se ne vanno i giovani, e sparito il ceto medio e con lui chi non vive direttamente di turismo sfrenato e del suo indotto. E cosi si estinguono i veneziani.

(Adnkronos)