Ricerca: orecchio assoluto, nel cervello segreto di musicisti alla Mozart

Roma, 12 feb. (AdnKronos Salute) – Basterebbe una ‘sbirciatina’ nel cervello per individuare i musicisti dotati di orecchio assoluto. Una nuova ricerca pubblicata su ‘JNeurosci’ descrive infatti le caratteristiche cerebrali dei musicisti con un ‘orecchio assoluto’, che probabilmente consentono agli individui con questa rara abilita’ – condivisa da Mozart, Bach e Beethoven – di identificare con precisione le note musicali al primo ascolto.

Il team di Keith Schneider ha confrontato la struttura e l’attivita’ della corteccia uditiva di tre gruppi di 20 partecipanti: musicisti con orecchio assoluto, musicisti privi di questa dote ma con competenze musicali simili e un gruppo di controllo di persone con un minimo di formazione musicale. Ebbene, i musicisti del primo gruppo avevano una corteccia uditiva significativamente piu’ grande, in grado di rappresentare toni distinti senza una nota di riferimento. L’orecchio assoluto e’ raro, anche tra i musicisti esperti, e il contributo relativo della genetica e dell’esperienza a questa capacita’ e’ piuttosto discusso. Questi risultati suggeriscono che l’orecchio assoluto puo’ essere piu’ legato alla genetica di quanto si pensasse in precedenza, anche dal momento che quasi un quarto dei musicisti dotati di questa caratteristica non ha iniziato la sua formazione musicale fino all’adolescenza.

(Adnkronos)

Be the first to comment on "Ricerca: orecchio assoluto, nel cervello segreto di musicisti alla Mozart"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


uno + 18 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.