Il Napoli riprende la corsa, 3-0 alla Samp

Calcio

Napoli, 2 feb. – (AdnKronos) – Il Napoli riscatta il mezzo passo falso in campionato con il Milan e l’eliminazione in Coppa Italia per mano dei rossoneri, superando in scioltezza al San Paolo una remissiva Sampdoria con il punteggio di 3-0. A decidere il match l’uno-due di Milik e Insigne alla meta’ del primo tempo; nel finale di partita arriva anche il tris con il calcio di rigore trasformato da Verdi.

In classifica gli azzurri consolidano il secondo posto salendo a quota 51, 8 punti in meno della Juventus capolista impegnata tra pochi minuti in casa con il Parma; i blucerchiati restano invece fermi in sesta posizione con 33 punti. Ulteriore nota stonata per gli ospiti il mancato record in solitaria del grande ex Quagliarella che non e’ riuscito a segnare per il 12 match consecutivo in Serie A, restando fermo a 11 come Gabriel Batistuta.

La prima occasione del match e’ di marca doriana, al quarto d’ora, con Defrel che mette in mezzo per l’inserimento di Ramirez, il cui colpo di testa e’ fuori misura. Al 25′ arriva il vantaggio dei padroni di casa al termine di una bella azione iniziata da Hamsik che prolunga per Callejon, lo spagnolo va al cross rasoterra da destra, la palla supera Colley e arriva a Milik, solo al centro dell’area, che di sinistro batte Audero. Un minuto piu’ tardi i pochi spettatori del San Paolo possono gioire ancora: Callejon cerca Insigne dentro l’area, il talento di Frattamaggiore calcia di prima intenzione superando ancora il giovane portiere doriano e interrompendo un digiuno di gol che durava da quasi tre mesi.

La reazione ospite e’ tutta in due conclusioni da lontano di Quagliarella che non inquadrano la porta. Nel finale di frazione, al 39′, ci prova Mario Rui con un potente sinistro sul quale e’ bravo Audero in tuffo a salvare la sua porta. Poco dopo Milik va in rete in mischia ma viene annullata per un fuorigioco di Maksimovic.

In avvio di ripresa Giampaolo si gioca le carte Saponara e Gabbiadini al posto di Ramirez e Defrel ma il controllo del gioco resta agli azzurri che gestiscono la partita senza affanni, anzi sfiorando il terzo gol con Koulibaly in una delle non rare proiezioni offensive. Il centrale senegalese, su un cross da destra di Callejon, arriva in scivolata mancando di un soffio l’impatto con la palla davanti ad Audero. Al 26′ Bereszynski va vicino al gol con un potente destro da fuori area che termina di poco a lato con Meret immobile.

Nel finale la squadra di Ancelotti trova anche il terzo gol all’89’ grazie al rigore concesso da Pairetto per un fallo di mano di Andersen in area su un tiro di Zielinski. Dagli 11 metri, il neo entrato Verdi spiazza Audero e manda i titoli di coda del match.

(Adnkronos)

Please follow and like us: