Motta: “Al festival canto l’Italia smarrita, disumana sui migranti”

Roma, 21 gen. (AdnKronos)(di Antonella Nesi) – di Antonella Nesi

“Ho voluto esprimere il senso di disorientamento, di smarrimento e di disincanto di fronte alla mancanza di umanita’ e di educazione che sta venendo fuori nel nostro Paese. Che e’ un tema sociale e non politico. Come le parole di Baglioni sui migranti erano parole umane e non politiche. Parole di buon senso”. Francesco Motta, in arte semplicemente Motta, parla cosi’ all’AdnKronos di ‘Dov’e’ l’Italia?’, la canzone con cui partecipera’ per la prima volta al Festival di Sanremo. “E’ un brano che esprime anche grande amore per l’Italia, perche’ io penso che ognuno di noi debba essere protagonista del proprio tempo, non voltarsi dall’altra parte”, aggiunge il cantautore nato a Pisa da famiglia livornese ma trapiantato a Roma da qualche anno. “Tu su un tappeto volante tra chi vince e chi perde e chi non se la sente”, canta tra l’altro Motta.

‘Dove’ l’Italia?’ e’ nato “in viaggio, tra Lampedusa, New York, il Messico ma anche a Roma e a Milano” ed accenna anche al tema dei migranti (“come quella volta a due passi dal mare/fra chi pregava la luna e sognava di ripartire”, recita uno dei passaggi del brano). “Io faccio il cantautore e racconto quello che vedo e questo e’ tra i temi centrali di questo momento storico”, spiega. La musica puo’ avere un ruolo sociale? “La musica e’ una delle cose che puo’ dare una mano. E puo’ farlo anche con leggerezza, non per forza con brani ‘pesanti’ ma con brani ‘pensanti’…”, aggiunge.

Della sua prima partecipazione al festival dopo la vittoria, sempre a Sanremo, di due Targhe Tenco, per i suoi primi due album da solista (nel 2016 si e’ aggiudicato il Tenco alla migliore opera prima con ‘La fine dei vent’anni’ e nel 2018 quello per il miglior disco in assoluto per ‘Vivere o morire’), Motta confessa: “A Sanremo ho voluto andarci io. Ho pensato che questo brano avrei voluto cantarlo al festival. Non ho mai avuto pregiudizi su Sanremo, anzi quando ho potuto l’ho sempre guardato”. Eppure la sua partecipazione e’ tra quelle salutate come un’apertura inedita alla contemporaneita’ e alla musica indie da parte del festival di Baglioni: “Io mi sento nel posto giusto. Sanremo e’ il festival della canzone italiana e io scrivo canzoni in italiano. Detto questo, pure se calco i palchi da parecchio tempo, direi una bugia se nascondessi che il palco del festival da’ un’emozione enorme”. Cosi’ come suonare con l’orchestra del festival: “Ho gia’ fatto una prova ed e’ stato bellissimo. Quei musicisti sono dei supereroi”.

E se dice di non pensare alla gara (“francamente mi sto concentrando sulla mia esibizione, mi piacerebbe fare bene”), Motta e’ ancora al lavoro sulla proposta da fare per la serata del venerdi’, quando potra’ proporre il brano in gara in versione rivisitata con uno o piu’ ospiti: “Non posso dire niente perche’ ancora non c’e’ niente di sicuro. Appena avremo deciso lo saprete. Ma mi piace molto che ci sia questa possibilita’”, aggiunge.

Il brano di Sanremo “e’ il primo tassello di un nuovo progetto”: “Per questo, francamente, non ho voluto fare nessun repack dell’ultimo album. Non c’entrava niente con quel discorso che era gia’ compiuto. Ora sto scrivendo cose nuove che diventeranno un album nuovo. Ma ancora non ho ancora una data”, dice Motta che pero’ sta preparando un tour estivo.

Tra i colleghi con cui si sfidera’ a Sanremo ci sono anche gli Zen Circus, che conosce da tempo. Infatti Andrea Appino, frontman degli Zen Circus, fu il produttore del primo album della band Criminal Jockers con cui Motta ha esordito nel 2010 come paroliere, cantante e batterista. “Sono felice che ci siano anche loro”, dice. “Ma devo dire che sto facendo degli incontri bellissimi a Sanremo. Nei giorni scorsi ho conosciuto Nino D’Angelo e Livio Cori e mi sono piaciuti tantissimo”, prosegue il cantautore, legato sentimentalmente da due anni all’attrice Carolina Crescentini. E quando gli chiediamo se dopo Sanremo arrivera’ il matrimonio, lui risponde sibillino ridendo: “Chi lo sa…”.

(Adnkronos)