Serie A: torna il campionato col girone di ritorno per la stagione 2018-2019

Dopo gli ottavi di finale di Coppa Italia torna anche il campionato di serie A con la prima giornata del girone di ritorno che si gioca il 19 e il 20 gennaio. Impossibile non annotare alcuni esiti poco prevedibili come quelli che avevano caratterizzato la prima giornata d’andata, su tutti la sconfitta dell’Inter di Spalletti, contro un arcigno Sassuolo. Altra cosa da segnalare, per amanti del calcio è legata alla composizione del calendario, che per il girone d’andata era subito partito forte specialmente per Lazio, Milan e Napoli, tutte subito impegnate con interessanti scontri diretti, da cui solo il Napoli di Ancelotti uscirà relativamente indenne. Detto ciò, saranno ancora Napoli-Lazio, Roma-Torino, Juventus-Chievo e Inter-Sassuolo, le gare più importanti equamente distribuite tra sabato 19 e domenica 20 gennaio. A seguire una seconda giornata, se possibile ancora più impegnativa, con Milan-Napoli, Lazio-Juventus, Atalanta-Roma e Torino-Inter. C’è da ricordare come Lazio-Juventus costituisca una gara spartiacque, specialmente per come era andata durante lo scorso anno, quando il gol realizzato nei minuti di recupero da Dybala, fu fondamentale per demoralizzare un Napoli che fino a quel momento aveva retto bene il confronto a distanza con la formazione allenata da Massimiliano Allegri. Le quotazioni per la permanenza in massima divisione non erano certo alte, senza contare i pronostici dei principali bookmaker che davano il Parma sempre perdente contro le big come Inter, Napoli, Juventus o Roma.

Le dinamiche e i protagonisti

Altre dinamiche e altri protagonisti, come abbiamo potuto vedere durante questo girone d’andata appena concluso. Forse la Juventus quest’anno è maggiormente dipendente da uomini chiave come Cristiano Ronaldo, Giorgio Chiellini e il solito implacabile, Mario Manduzukic, ma le dinamiche sono cambiate pochissimo, anche rispetto alle gare insidiose con le piccole, come ad esempio il Genoa e l’Atalanta, così come lo scorso anno la Juventus si era fermata contro Spal e Crotone, escludendo Napoli, Lazio e Sampdoria. Non è un campionato fatto solo dalla corsa scudetto, per fortuna, visto che altrimenti sarebbe eccessivamente monotono e monocorde. Sono svariati i motivi e i punti di interesse, visto che la lotta per il quarto posto è apertissima, con la Lazio di Inzaghi, forse un po’ favorita, ma dove a insidiarla ci sono già un Milan piuttosto incerottato, ma anche una ritrovata Roma, che dopo diverse gare sbagliate, sia come approccio che come assetto tattico, ha forse trovato la quadratura e i suoi uomini migliori, nonostante ci siano state diverse defezioni e delusioni, in questo inizio di stagione, leggi Pastore, ma soprattutto Edin Dzeko, ben lontano dalla sua migliore forma della passata stagione, almeno in campionato. C’è da dire poi di quel gruppetto composto da Sampdoria, Atalanta, Torino, Fiorentina, a cui bisogna accorpare, nonostante la differenza tecnica e di blasone, anche Sassuolo e Parma, probabilmente le vere rivelazioni di questa stagione.

La rivelazione della stagione 2018-2019: il Parma di Roberto D’Aversa

Chi avrebbe scommesso sul campionato del Parma a inizio stagione? Eppure il Parma, tranne forse contro il Napoli ha giocato a viso aperto, spesso centrando anche il risultato pieno, durante il girone d’andata. Non a caso, il Parma è l’unica neopromossa con ambizioni da mezza classifica se non addirittura da zona Europa League, con soli 4 punti di distacco dalla Samp e addirittura 3 dall’Atalanta. Parma e Sassuolo chiudono idealmente la comfort-zone di questa classifica provvisoria, dato che dal Cagliari a scendere è tutto un gruppone, che dovrà lottare fino alla fine per restare in A. Una lotta salvezza, che si impreziosisce e diventa più interessante, visti i risultati che sia il Chievo che il Frosinone sono riusciti a ottenere negli ultimi scampoli del girone di andata. Il Chievo in particolare, nonostante il distacco di punti, è riuscito in poche settimane a fermare addirittura Napoli e Inter, non certo un compito di poco conto.

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Serie A: torna il campionato col girone di ritorno per la stagione 2018-2019"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


cinque − tre =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.