Nyt: ”Trump voleva Usa fuori da Nato”

New York, 15 gen. (AdnKronos) – Infuriato con gli alleati Nato per la vicenda dei finanziamenti all’Alleanza, lo scorso anno Donald Trump, in diverse discussioni riservate con membri della sua squadra di sicurezza, ha parlato della possibile uscita degli Stati Uniti dalla Nato. E’ quanto rivela il New York Times, sottolineando come una mossa cosi’ clamorosa sarebbe il compimento di uno dei principali desideri di Vladimir Putin, cioe’ l’indebolimmento, se non la fine, dell’Alleanza Atlantica, da 70 anni deterrente dell’aggressivita’ prima sovietica ora russa in Europa.

Secondo le fonti citate dal Times, che nei giorni scorsi ha rivelato che nel 2017 l’Fbi ha avviato un’indagine per stabilire se l’allora appena insediato presidente lavorasse per la Russia, nei giorni del burrascoso vertice della Nato dello scorso luglio, durante i quali Trump ha attaccato duramente gli alleati accusandoli di non rispettare gli impegni presi di finanziamento alla Difesa, il presidente ha detto ai suoi funzionari di non vedere il senso di continuare in un’alleanza militare che si presenta solo come una perdita per gli Stati Uniti.

Secondo la ricostruzione del Times, l’allora capo del Pentagono Jim Mattis, ora licenziatosi per polemica con la decisione di ritirarsi dalla Siria, e il consigliere per la Sicurezza Nazionale riuscirono ad evitare ogni riferimento al ritiro, mossa che potrebbe ridurre drasticamente l’influenza di Washington e rafforzare Mosca per i prossimi decenni.

Ma ora ex ed attuali membri dell’amministrazione temono che, di fronte a nuove polemiche sui finanziamenti alla Nato, Trump possa ritornare su queste minacce. Interpellati dal Times, portavoce della Casa Bianca si sono limitati a fare riferimento alla dichiarazione dello scorso luglio di Trump in cui ha riaffermato l’impegno “molto forte” degli Stati Uniti in seno di un’Alleanza “molto importante”.

L’ex comandante in capo delle forze Nato, l’ammiraglio James Stavridis, ha detto che “anche solo parlare dell’idea di lasciare la Nato, tanto piu’ farlo effettivamente, sarebbe il regalo del secolo a Putin”. E sarebbe, ha aggiunto parlando al Times, “un errore geopolitico di dimensioni epiche”.

FRATTINI – Franco Frattini, ex ministro degli Esteri, all’Adnkronos commenta cosi’ lo scenario delineato dal New York Times: “Gli Stati Uniti non usciranno dalla Nato, ma c’e’ il rischio concreto di un disimpegno. E quando l’America smette di collaborare con i suoi alleati, si crea il caos”. “Trump, sin dall’inizio del suo mandato, ha definito la Nato un’organizzazione obsoleta perche’ ritiene che non sia rispondente alle esigenze contemplate dalla linea ‘America First’. Il presidente degli Stati Uniti dice che gli altri paesi sono consumatori di sicurezza, mentre l’America e’ l’unico produttore”, afferma Frattini, a Mosca per partecipare al Gaidar Forum. “Se questi propositi si concretizzassero, sarebbe un problema drammatico. L’Europa si sta dimostrando totalmente incapace di elaborare una difesa propria. Se potessi dire che c’e’ una linea europea sarei meno preoccupato”, prosegue.

“La Nato, a mio avviso, non sara’ abbandonata dagli Stati Uniti. Ma c’e’ il rischio di un disimpegno di Washington. E quando l’America smette di collaborare con i suoi alleati, si crea il caos”, ribadisce. Si va incontro al “rischio di un rallentamento della Nato, con l’Europa che somiglia ad un vaso di cristallo in mezzo a vasi di metallo molto solidi”. “Azzardo un’ipotesi: Trump non condivide che la Nato mostri la faccia feroce con la Russia e faccia poco di piu’. Non abbiamo visto grandi operazioni antiterrorismo o su altri teatri: per l’America, non ha senso continuare a pagare per un’organizzazione che ha come compito principale quello di sostenere i paesi baltici e la Polonia di fronte alla Russia”.

TRICARICO – Il generale Leonardo Tricarico, gia’ capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, oggi presidente della Fondazione Icsa, afferma all’Adnkronos: “Oggi rinunciare alla Nato sarebbe un gravissimo errore, e non solo da parte degli Stati Uniti. Tuttavia, andrebbe avviato un profondo processo di revisione dell’Alleanza creando nuovi basi su cui discutere dei veri rischi della collettivita’. Non certo della ‘finta’ aggressione di Putin”. Secondo Tricarico, che negli anni ’98-99 fu comandante delle forze aeree italiane durante il conflitto in Kosovo, sarebbe inoltre auspicabile che gli States “anziche’ paventare lo scioglimento, cessino di abusare della loro posizione da ‘azionisti di maggioranza’ indirizzando i comportamenti della stessa Organizzazione”.

“Una delle prime affermazioni di Trump in materia di politica di Difesa – ricorda Tricarico – e’ stata quella di definire ‘obsoleta’ la Nato e a dire la verita’ il concetto non e’ destituito di fondamento, seppure grossolano. Ad ogni modo tale affermazione non ha mai avuto alcun effetto concreto, se non la ripetuta lamentela degli Stati Uniti di sopportare in massima parte gli oneri dell’Alleanza”. Se si vogliono trovare pero’ delle ragioni in quel che pensa il presidente Usa, “e’ vero che la Nato avrebbe bisogno, come l’Europa, di una rivisitazione della sua ragion d’essere”. Quel che non va incoraggiata, semmai, “e’ una politica di inclusione di paesi dell’Est Europa. La Nato non ha bisogno di new entry ma solo di un profondo processo di revisione”.

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Nyt: ”Trump voleva Usa fuori da Nato”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


14 + 18 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.